MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin

Colpite soprattutto le sedi in Germania e nei Paesi Bassi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-11-2021]

mediaworld ransomware hive

È da alcuni giorni vittima di un attacco ransomware il gigante tedesco dell'elettronica MediaMarkt, presente anche in Italia con il marchio MediaWorld.

A essere colpiti sono in particolar modo i sistemi dei negozi di Germania e Paesi Bassi, sebbene anche le sedi in altri Paesi siano state colpite; le cifre ufficiose parlano di oltre 3.100 compromessi.

Gli autori del ransowmare hanno chiesto un riscatto di 240 milioni di dollari (oltre 200 milioni di euro) in Bitcoin per restituire all'azienda il controllo di server, computer e workstation, la cui compromissione sta causando problemi nella gestione della normale attività.

Nonostante infatti le vendite riescano a continuare, in molti casi è diventato impossibile utilizzare i sistemi di pagamento elettronici o effettuare i resi, poiché l'indisponibilità del sistema informatico impedisce di ricostruire lo storico delle transazioni.

Secondo quanto riporta la stampa olandese, inoltre, ai dipendenti dei negozi MediaMarkt è stato consigliato di scollegare i registratori di cassa dalla rete per cercare di contenere il diffondersi dell'infezione, che è dovuta al ransomware Hive.

Il team che gestisce Hive è noto per avanzare richieste particolarmente esorbitanti, come il "riscatto" chiesto a MediaMarkt dimostra, per poi accettare una trattativa e far scendere la cifra a un ammontare comunque considerevole ma che appare, rispetto a quello iniziale, più ragionevole: sembra che al momento in cui scriviamo gli hacker abbiano affermato di potersi accontentare dell'equivalente di 50 milioni di dollari (oltre 43 milioni di euro) in Bitcoin.

MediaMarkt, dal canto proprio, ha fatto sapere di aver contattato le autorità e di aver avviato ogni misura necessaria per rimediare al danno non appena l'infezione è diventata manifesta; al momento non è chiaro se i dati crittografati dal ransomware siano stati anche copiati e spediti ai creatori di Hive.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Attacco a Microsoft Exchange, decine di migliaia i server ancora vulnerabili
Studenti e lavoratori in smart working nel mirino dei ransomware
Il lato umano del ransomware

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Eh già in questi mesi di shortage sono così difficili da trovare...
14-11-2021 14:45

Non possiamo escludere che il reparto IT di MediaWorld non abbia avuto un HD a portata di mano per fare i backup. :lol:
14-11-2021 14:32

Più che altro costa meno ed è più sicuro partire dai backup che non hanno costi esorbitanti e possono essere recuperati in breve tempo... se un'azienda ha un una policy minimamente seria di backup ovviamente. Leggi tutto
14-11-2021 14:29

I bitcoin non sono anonimi, al primo pagamento con indirizzo o nome per una consegna possono venire a prenderti. La tracciabilità si può fare all'infinito e investigando possono raggiungere il malfattore. Ho notato che solitamente i wallet con proventi illegali grossi non vengono spesi suggerendo che aspettano la prescrizione dei reati o... Leggi tutto
12-11-2021 00:04

{rome}
E pensare che noi diamo, perché costretti, i nostri dati a una teoria infinita di incapaci, che poi vengono regolarmente hackerati. Per i pagamenti anonimi di cui ho letto nei commenti, le crypto non sono anonime come si crede. Solo Monero e poche shitcoin lo sono. I contratti sono pubblici e chiunque li può controllare nei... Leggi tutto
11-11-2021 20:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1641 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 gennaio


web metrics