Trasformare un vecchio Pc in un firewall

Miniguida a Coyote Linux, una sorprendente distribuzione contenuta in un floppy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-03-2004]

Avete un vecchio Pc di cui volete sbarazzarvi, troppo lento anche per navigare su Internet, o per scaricare la posta elettronica? La risposta per renderlo di nuovo operativo è racchiusa in una minidistribuzione Gnu/Linux che entra tutta in un floppy: Coyote Linux.

La distro in questione non ha ovviamente alcuna interfaccia grafica ma in compenso trasforma il Pc su cui è eseguita in un firewall/router hardware di tutto rispetto.

Come detto Coyote Linux entra in un floppy ed è avviabile solo da floppy, rendendo inutile equipaggiare il Pc su cui è eseguita di un hard disk. Dunque chi volesse provare la distro dovrà avere un Pc con processore 486 o superiore, almeno 12 Mbyte di memoria Ram, un drive floppy, una scheda video VGA e due schede Ethernet installate: una per la connessione diretta tramite cavo incrociato con un altro Pc, e una per la connessione a un modem Ethernet Adsl (chi volesse può optare per il classico modem analogico 56K, che rende inutile l'utilizzo della seconda scheda Ethernet).

Ipotizzeremo in questo esempio di avere due Pc, uno con Windows Xp e una scheda Ethernet (sarà il client nella nostra micro rete), l'altro su cui inseriremo il floppy con Coyote Linux (il nostro firewall/router) equipaggiato con due schede Ethernet. Come connessione a Internet ipotizzeremo di avere una Adsl che utilizzi un modem Ethernet.

Innanzitutto possiamo scaricare ed eseguire il comodo file di setup avviabile da Windows che ci guiderà passo passo alla configurazione e creazione del floppy di boot contenente Coyote Linux.

Dopo aver scelto la password di root, dovremo scegliere il tipo di connessione utilizzata per navigare su Internet. Se, come in questo esempio, utilizziamo una connessione Adsl e un modem Ethernet, probabilmente sceglieremo PPPoE Configured Internet e in questo caso dovremo inserire nome utente e password, nonché i server Dns utilizzati dal nostro Internet provider negli appositi campi Nameserver1 e 2.

Dovremo poi decidere se abilitare il DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) in modo da far assegnare gli indirizzi Ip nella nostra rete a Coyote Linux.; infine dovremo selezionare la Local Network Card (scheda Ethernet utilizzata per la connessione con un altro Pc o un hub) e la Internet Network card (scheda Ethernet utilizzata per la navigazione vera e propria).

Completate tutte le configurazioni potremo creare finalmente il floppy cliccando sul pulsante Create Disk.

Sul Pc con sistema operativo Windows Xp (il client nel nostro esempio) dovremo andare su Start\Impostazioni\Pannello di Controllo\Connessioni di Rete\Connessione alla Rete Locale(Lan), cliccare con il tasto destro e scegliere Proprietà, poi selezionare Protocollo Internet(TCP/IP) cliccare su Proprietà. Selezioniamo a questo punto Utilizza il seguente indirizzo Ip e immettiamo i valori:

Indirizzo Ip: 192.168.0.2
Subnet mask: 255.255.255.0
Gateway predefinito: 192.168.0.1 (di default l'indirizzo del Pc su cui eseguiremo Coyote Linux).

Selezioniamo quindi Utilizza i seguenti server Dns e immettiamo i valori dei Domain Name Server del nostro provider.

Se invece abbiamo scelto di attivare il DHCP server in Coyote Linux, nella configurazione IP del client Windows dovremo selezionare l'opzione di assegnazione automatica dell'indirizzo.

A questo punto non dovremo far altro che connettere la Internet Network card (da noi scelta in fase di setup di Coyote Linux) al modem Adsl Ethernet attraverso cavo UTP e connettere la Local Network Card alla scheda Ethernet del Pc client con Windows XP attraverso un cavo incrociato.

Inseriamo il floppy con Coyote Linux nel drive floppy del Pc da noi scelto, riavviamolo e controlliamo che nel Bios il floppy sia selezionato come primary boot device. Fatto tutto questo Coyote Linux verrà caricata in memoria e noi non dovremo far altro che loggarci da utente root. Il menu che ci troveremo difronte consentirà ad utenti smaliziati nella configurazione di iptables di andare a configurare manualmente gli script e la configurazione del firewall.

Se tutto è stato eseguito correttamente potremo avviare un web browser a nostra scelta sul computer scelto come client e navigare schermati dal Pc su cui è eseguita Coyote Linux.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

dev'essere proprio quello! ti ringrazio vergognandomi di non aver letto bene la pagina prima...
4-9-2006 18:35

creare il floppy disk per avere un firewall hardware Leggi tutto
4-9-2006 15:48

nel sito di coyote linux non c'è traccia del setup Leggi tutto
3-9-2006 14:21

C'è Endian Firewall Community Leggi tutto
26-8-2006 14:45

Ma e' ancora gratuito? Leggi tutto
21-8-2006 18:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te in quale settore si faranno sentire maggiormente gli effetti positivi dell'Agenda Digitale?
La comunicazione
La scuola
L'accesso alle informazioni e ai contenuti culturali
La modalità di interazione con la Pubblica Amministrazione
Il Servizio Sanitario
La qualità dell'ambiente e dell'aria
La qualità della vita
Il costo della vita
La vivibilità delle grandi metropoli con la creazione di Smart City
La trasparenza
Risparmi per lo Stato e per il cittadino
Riduzione del digital divide
L'Agenda... de che?

Mostra i risultati (1067 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics