Il malware per Linux quasi impossibile da individuare



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2022]

symbiote malware linux

Alcuni ricercatori del Threat Research & Intelligence di BlackBerry hanno annunciato la scoperta di un malware che si comporta come un "parassita" per i sistemi Linux, e l'hanno battezzato Symbiote (in italiano, simbionte).

La scoperta effettiva è avvenuta lo scorso novembre, e pare che lo sviluppo del malware sia finalizzato a compromettere istituzioni finanziarie in America Latina; non è chiaro nemmeno ai ricercatori, tuttavia, se davvero sia mai stato portato un attacco tramite Symbiote.

Il malware non cerca di compromettere i processi in esecuzione; si comporta invece come una libreria shared object (file .so), che viene caricata da tutti i processi eseguiti prima ancora degli altri oggetti condivisi (shared object).

Grazie a questa sua particolarità può utilizzare certe funzioni per nascondersi; inoltre, per garantirsi un maggiore anonimato, cancella continuamente tutte le attività di rete che sono riconducibili a Symbiote.

Per evitare che il traffico da esso generato venga mostrato (per esempio a uno strumento di cattura dei pacchetti), Symbiote usa il Berkeley Packet Filter per escludere i propri pacchetti dall'individuazione: per un amministratore in cerca di traffico anomalo, quindi Symbiote resta così del tutto invisibile.

Una volta che si è ben posizionato e nascosto all'interno del sistema, Symbiote inizia la propria attività che non differisce da quella di un tradizionale rootkit, garantendo ai suoi creatori accesso remoto tramite backdoor al computer compromesso e sottraendo credenziali.

Symbiote è un malware nuovo, oltre che molto scaltro nel non farsi notare, e pertanto gli antivirus - che non sono di uso molto frequente in Linux - non sono tutti attrezzati per individuarlo.

Anche gli utenti di Linux faranno quindi bene, come i loro colleghi utenti di Windows, a stare attenti a ciò che installano (in particolare se non proviene dai repository ufficiali della distribuzione).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Comune di Torino abbandona Windows per Linux

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

:oops: Leggi tutto
16-6-2022 15:16

Idem come sopra. Leggi tutto
16-6-2022 15:06

Ma sei sicuro di aver citato me? generazione spontanea mi sa che è roba di tal umby...
16-6-2022 15:03

è (volutamente?) poco chiaro... FUD fino a prova contraria? :roll: Leggi tutto
16-6-2022 14:59

Il problema nasce proprio dal fatto che la fonte sostiene che questo malware esiste, ne illustra (in termini molto tecnici) la logica di funzionamento, ma tutti gli aspetti "costruttivi" non li riporta: come individuarlo? Come proteggersene? E, aggiungo io: con tutto questo, perché ne è stata denunciata l'esistenza ora se la... Leggi tutto
13-6-2022 11:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1584 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 febbraio


web metrics