Trashware

E' la tecnica del riutilizzo, la pratica di rispettare il mondo risparmiando contemporaneamente denaro. Igiene informatica e responsabilità etica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-03-2004]

I computer pongono dei seri problemi per l'ambiente in relazione alle risorse utilizzate per la loro produzione e per quanto riguarda le dimensioni delle montagne di rifiuti cui danno vita una volta esaurita la loro missione. E' quanto afferma Eric Williams nel libro Computers and environment, recentemente pubblicato dall'United Nations University di Tokyo.

Per esempio, per produrre un Pc da tavolo completo di monitor (dal peso complessivo di pochi Kg) sono necessarie 1.8 tonnellate di materia: in prevalenza acqua, poi carburante fossile e sostanze chimiche. Per fare un paragone, mediamente, un'auto di media cilindrata ha un rapporto peso/combustibili fossili (utilizzati nella sua produzione) di 1 a 2, mentre per un computer lo stesso rapporto è 1 a 10.

Considerato ciò, appare chiaro come si stia affacciando in superficie il problema dell'inquinamento derivato dal mercato della microelettronica di consumo (che comprende più di un miliardo di PC nel mondo), una questione rimasta finora nascosta dalla spirale del consumo, aliena da qualsiasi interrogativo sul futuro delle carcasse informatiche.

Se da più parti vengono richiami per un approccio intelligente all'utilizzo degli strumenti tecno-cognitivi (allungare la vita del proprio personal computer potrebbe essere una semplice soluzione da mettere in atto in tempi brevi, vista la salute precaria del sistema mondo), non mancano atteggiamenti più radicali praticati dalle controculture cyber.

Un esempio ne è il Trashware, termine che, oltre a indicare i software di pessima qualità, si riferisce alla pratica di recuperare i PC dismessi dalle aziende e dai privati in vista di un loro riutilizzo in associazioni di volontariato o nei paesi in via di sviluppo. Tale ricondizionamento dei computer è realizzabile grazie a linux e al software libero, strumenti protagonisti della recente liberazione informatica, i quali fra i loro numerosi pregi hanno quello di non necessitare di risorse smisurate per girare, a differenza dei sistemi Windows.

Dopo un paio di decenni di diffusione massiccia di personal computer, con la continua rincorsa ad aggiornamenti hardware e software più o meno opportuni/necessari, sembra essere giunto il momento, soprattutto per i soggetti più sensibili alle dinamiche tecnosociali, di agire rispettando la cosiddetta igiene informatica: un atteggiamento etico che si esprime nell'utilizzo senza spreco delle risorse informatiche, e che, oltre a muoversi nella direzione giusta per la salvaguardia del pianeta, permette al singolo consumatore di poter dedicare meno risorse alla brama di acquisto del nuovo, sfruttando le possibilità offerte di sistemi come Linux per soddisfare le proprie esigenze e mantenere efficienti delle macchine che altrimenti sarebbero destinate a morire.

Secondo i cyberattivisti, l'euforia per l'ultima componente uscita sul mercato dovrebbe lasciare il passo alla consapevolezza del costo sociale e ambientale dei supporti hardware, i quali molto spesso, tra l'altro, risultano sottoutilizzati rispetto alle loro potenziali capacità.

Riutilizzare, evitare gli sprechi, ridare lustro ad oggetti elettronici in disuso all'interno di progetti socialmente utili: è questo l'obiettivo dei fautori del trashware, i quali si muovono all'interno di un'etica guidata dall'igiene informatica, ultima conquista della riflessione dei movimenti comunitari dediti alla socializzazione dei principi del software libero.

Si tratta, metaforicamente, di uscire dal vortice del ricambio per avventurarsi nella tangente del riutilizzo, un percorso necessario, secondo molti pensatori contemporanei, per evitare la deriva nichilista che minaccia il nostro mondo globalizzato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

paolo
progetto Trashware del GOLEM Leggi tutto
17-3-2004 13:01

Prometeus
facciamo così! Leggi tutto
17-3-2004 10:32

Giacomo
come facciamo Leggi tutto
17-3-2004 09:37

federica
PC etico? Mi piace! Leggi tutto
17-3-2004 09:32

Alessandro Franzi'
LInux e le risorse Leggi tutto
17-3-2004 08:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste affermazioni sul ruolo del digitale nella fotografia è secondo te più corretta?
Ha svilito l'arte fotografica. Oggi conta più essere bravi con i programmi di fotoritocco che dei buoni fotografi
L'era digitale è quella del falso. Praticamente non esiste foto su giornali, calendari e manifesti che non venga alterata al computer prima della pubblicazione.
Moderno strumento di democrazia, il digitale ha consetito di avvicinare per qualità il mondo degli amatori a quello dei professionisti.
I vantaggi economici e tecnici dello scattare in digitale hanno riportato interesse nella fotografia, che in ambito non professionale stava soccombendo sotto la diffusione delle videocamere.

Mostra i risultati (4684 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics