Il dopo-Urbani

Dopo l'approvazione del decreto che prevede un forte inasprimento delle sanzioni per chi scarica film da Internet, sempre piu' utenti stanno iniziando a utilizzare software che crittografano i dati scambiati nei circuiti peer to peer. Intanto negli Usa l'Fbi mette il proprio logo su Cd e Dvd...



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2004]

Volantino di Downhillbattle

E' una doccia fredda per i detrattori dell'italico bollino Siae. Ma va nella direzione verso la quale si è orientato anche Consiglio dei ministri con l'approvazione il 12 marzo del decreto Urbani, che prevede un forte inasprimento delle sanzioni per chi scarica film da Internet.

Negli USA il Federal Bureau of Investigation (la mitica FBI) ha dato la disponibilità ad apporre su CD e DVD il proprio logo. Lo scopo di questa decisone sta nel sensibilizzare il grande pubblico contro la duplicazione abusiva di materiale protetto da copyright.

Il motivo è di carattere pratico: ogni anno sempre più risorse dell'ente investigativo sono spese a combattere questo fenomeno, senza però grandi risultati. Eppure negli Stati Uniti la duplicazione abusiva di materiale protetto da diritto d'autore avendone un profitto fa rischiare grosso: fino a 5 anni di carcere e una cospicua sanzione amministrativa.

Tanto per fare un esempio costituire un associazione segreta (tipo la P2) nel nostro paese è punito con lo stesso tipo di pena. Invece duplicare materiale protetto da diritto d'autore a fini di profitto comporta "solo" 3 anni di carcere. La situazione ricorda molto le gride di manzoniana memoria: pene severissime in realtà mai applicate.

In America invece sta accadendo un finimondo. Purtroppo un esempio è dato dal caso di Adelita Schule. Adelita non è un pericoloso hacker od una trafficante internazionale di musica e film. Adelita è una ragazza madre che vive insieme al figlio di 5 anni in un alloggio di case popolari, sopravvive con un sussidio concesso dal governo e sta cercando di terminare gli studi.

Adelita è molto povera: tutto quello che possiede sono 180 dollari. Eppure è stata citata in giudizio dalla RIAA (Recording Industry Association of America) per aver scaricato musica condivisa in rete da altri utenti con programmi per il file sharing.

La notizia, rimbalzata su Internet grazie all'avvocato d'ufficio che difende gratuitamente la stessa Schule, è stata data dal sito Downhillbattle che ha anche organizzato una sottoscrizione in favore della ragazza.

Quello di Adelita non è, purtroppo, un caso isolato. Negli USA decine di famiglie sono già andate letteralmente in bancarotta di fronte alle cause legali che le associazioni dei produttori multimediali hanno scatenato sotto il cappello del Digital Millennium Copyright Act per aver usato programmi di file sharing.

Per questo motivo è nata l'ultima generazione di client per il P2P, come Mute. La novità di questo programma è che cifra i dati scambiati con algoritmi "forti" come Blowfish o RSA. Così facendo diventa praticamente impossibile per un terzo incomodo vedere che cosa due utenti si stanno scambiando.

Inoltre è anche estremamente difficile risalire a chi è collegato: vengono adottate infatti tecniche di mascheramento dell'indirizzo IP. I pacchetti girano attraverso una serie di nodi civetta in modo da occultare il mittente e l'identificazione degli utenti avviene attraverso un numero casuale.

Per minimizzare i ritardi che si vengono inevitabilmente a creare con questo meccanismo il programma usa un calcolo probabilistico per determinare l'instradamento più rapido tra due nodi. E' per queste ragioni che Mute sta guadagnando rapidamente popolarità.

Cosa ci riserva il futuro del P2P? Difficile da dire, ma quello che è certo è che ne vedremo delle belle i prossimi mesi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

stefano
gli americani sono proprio degli esagerati...mobilitare l'fbi che americanata
1-4-2004 12:16

Enrico
caro Rodolfo, concordo pienamente Leggi tutto
31-3-2004 00:05

Angiolillo Rodolfo
COME D'ABITUDINE IL GOVERNO ITALIANO......... Leggi tutto
28-3-2004 08:29

pasquale
tutto inutile Leggi tutto
24-3-2004 14:37

Fidenzio
Info Leggi tutto
23-3-2004 18:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te il Codice della Strada dovrebbe proibire di indossare i Google Glass mentre si guida?
Sì, perché rappresentano una distrazione peggiore degli SMS, e quindi un pericolo.
No, perché come tutte le cose possono essere utilizzati bene o male. Altrimenti dovremmo vietare anche i navigatori GPS.
Ho un'altra opinione (la illustro nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (981 voti)
Settembre 2021
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Luglio 2021
Nuovo digitale terrestre, tutto rimandato
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 settembre


web metrics