Windows 10, da febbraio Microsoft non venderà più le licenze

L'ora di passare a Windows 11 è giunta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-01-2023]

windows 10 fine vendita licenze

Nonostante sia in circolazione da più di un anno, Windows 11 attualmente ha una quota di mercato molto lontana da quella di Windows 10, anche a causa della sua limitata - e, secondo alcuni, artificiosa - compatibilità hardware.

Per assicurarsi il successo di Windows 11 sui nuovi computer, Microsoft ha ora deciso che è tempo di forzare il pensionamento anticipato di Windows 10, la cui fine del supporto è fissata per il 14 ottobre 2025, a oltre due anni da oggi.

Come si può leggere sul sito ufficiale, infatti, a partire dal 31 gennaio 2023 Microsoft cessarà di vendere le licenze di Windows 10 Home, Pro e Workstation: quel giorno sarà l'ultima occasione - così scrive l'azienda - in cui si potrà scaricare Windows 10 dal sito.

Restano quindi soltanto circa 10 giorni per acquistare una nuova licenza di Windows 10 direttamente da Microsoft, ma a dire la verità molto probabilmente non sarà impossibile continuare a farlo nei mesi a venire, se si sceglie di rivolgersi a canali alternativi.

Non solo, infatti, gli OEM dovrebbero poter continuare ad acquistare licenze; vi sono inoltre numerosi rivenditori di terze parti che vendono copie fisiche e licenze digitali di Windows 10, anche a prezzi stracciati, comunemente individuabili anche su siti blasonati come Amazon.

Per quanto riguarda il sistema operativo in sé, inoltre, il Media Creation Tool dovrebbe restare a disposizione: con esso sarà ancora possibile creare dispositivi di installazione del sistema operativo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Normalmente funzionano (tranne che nel mio portatile da cantiere) ma in genere al primo aggiornamento di grosso impatto salta fuori qualche problema. Nel mio caso è andata bene che avevo spostato la data di rientro al massimo possibile (60 giorni) e ho quindi risolto il casino ritornando a W10 :roll:
28-1-2023 20:40

Ci sono versioni moddate, che permettono l'esecuzione di W11 su pc non compatibili. Ma bisogna fidarsi.
28-1-2023 18:51

Potrebbe non essere una cosa del tutto disdicevole se non fosse che costringe, chi decide di passare a W11, di buttare anche un PC funzionante che, con ogni probabilità, si riuscirebbe ad usare decentemente anche con questo SO se non fosse che M$ ha deliberatamente deciso di non permetterlo.
28-1-2023 14:11

È la scelta più ovvia, razionale ed economica per l'utente. Se volessero fare cassa venderebbero ancora vecchi OS. Che senso ha acquistare un nuovo pc e metterci W10? Che tra 2 anni cessa il supporto? Leggi tutto
27-1-2023 08:36

E sarebbe pure illegale. Senza trucchetti le licenze non si attivano. E vale la pena compromettere il sistema con uno di quei trucchetti? Leggi tutto
27-1-2023 08:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Perché Twitter ha tanto successo?
Il limite di 140 caratteri obbliga a esprimersi con brevità e concisione.
Si possono condividere link interessanti velocemente e a un gran numero di persone.
L'integrazione con il cellulare consente di inviare e ricevere i tweet via Sms.
Consente di rimanere aggiornati su un determinato argomento in tempo reale
La motivazione è un'altra, ve la esplicito nei commenti qui sotto.

Mostra i risultati (1132 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics