I ragazzi di No Urbani

Sono riusciti a mobilitare la Rete italiana contro il decreto Urbani, ottenendo 25.000 firme in pochi giorni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-03-2004]

Sono i ragazzi di No Urbani il fenomeno più vistoso e di successo del Net attivismo italiano.

Senza avere alle spalle nessun partito politico o associazione influente, senza mezzi economici, senza essere conosciuti, sono riusciti a raccogliere, in pochi giorni, 25.000 firme contro il decreto Urbani che criminalizza anche il file-sharing senza fini di lucro per i film.

Si tratta di una mobilitazione spontanea, corale, che hanno avuto il merito di cogliere e promuovere. Per saperne di più ho intervistato uno di loro: Andrea Sanna.

ZN: Chi siete? Cosa fate oltre ad opporvi a Urbani?

Andrea Sanna:"Sono il presidente dell'associazione culturale Plugs (Progetto Linux User Group Sassari), un'associazione che ha come fine la diffusione di Linux e del software libero. Giuseppe Fiori e Paolo Ferrandi sono le vere menti che hanno scritto il documento, io li ho aiutati nella rifinitura e creazione del sito web. Bisogna ringraziare loro."

ZN: Come vi è venuta l'idea della petizione online?

Andrea Sanna:"Bevendo tre birre al bar. Inizialmente abbiamo scritto quel documento per sfogarci e dire la nostra. Poi abbiamo pensato di mettere uno stupido form per permettere, a chi condividesse la cosa, di firmare. Dopo poche ore ho dovuto riscrivere interamente il sito e snellirlo (la mia Adsl 640 non reggeva tutte quelle visite)."

ZN: Quante e-mail avete ricevuto?

Andrea Sanna: "Molte. ricevo in continuazione e-mail di ringraziamento o consigli di qualsiasi tipo. Sono stati anche molti i portali che hanno scritto di noi e hanno esposto il loro banner sul loro sito. Sul sito Key4biz.it è stato proposto anche di creare una vera e propria alleanza partendo dalla nostra idea di raccogliere le firme."

ZN: E adesso cosa ne farete delle firme? Quali iniziative ulteriori avete in mente?

Andrea Sanna:"Le firme non hanno alcun valore legale. Diciamo che servono a noi per contarci e per riuscire a strappare uno stralcio di articolo su qualche quotidiano/rivista. Molti giornali, portali e tv, solo vedendo il numero delle firme, hanno deciso di parlare di noi: Punto-Informatico, Tg Com, La Stampa, Neapolis(Tg3), L'espresso. Per citarne alcuni. A breve, insieme ad altre associazioni ed aiutati dal Sen. Fiorello Cortiana, presenteremo le firme in Senato per dire il nostro secco NO a questo decreto inutile e inapplicabile."

ZN: In genere, c'è sempre più sfiducia verso questo tipo di iniziative, perché, invece, voi siete fiduciosi?

Andrea Sanna: "A nostro giudizio, il decreto non è attuabile: è solo una stupida legge all'italiana. Una di quelle leggi che servono solo per tenere buone le case discografiche, editrici, ecc. Ma che di fatto non verrà mai osservata."

ZN: Siete sardi come Soru: cosa ne pensate, Internet è sarda?

Andrea Sanna: "Definire Internet sarda è sminuire la sua grandiosità. Certo che Soru ha dato molto per la diffusione della Rete. Abbiamo in mente di incontrarci con lui a breve, ma ultimamente è impegnato nella sua candidatura alle regionali."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

secondo me... Leggi tutto
22-4-2004 17:53

Faso
questi ragazzi sono semplicemente grandiosi!!!!!!!
15-4-2004 22:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
Č la solitudine che spinge le persone a usare "pių tecnologia".
Č l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1002 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics