Schede madri Gigabyte con la backdoor, ecco i firmware aggiornati

Ora il software per gli update automatici opera in base a standard di sicurezza decenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2023]

gigabyte backdoor schede madri firmware aggiornati

Alcuni giorni fa gli esperti di sicurezza di Eclypsium avevano rivelato che in oltre 260 schede madri prodotte da Gigabyte era presente un software di gestione degli aggiornamenti che aveva tutto l'aspetto e le funzionalità di una backdoor, operando in silenzio all'insaputa dell'utente e vittima di tutta una serie di debolezze.

Ora Gigabyte ha affermato di aver completato la produzione dei firmware aggiornati per tutti i modelli di motherboard coinvolti; i nuovi firmware non eliminano il software in questione, ma ne rendono più sicura l'esecuzione.

L'azienda ha infatti introdotto la verifica avanzata della firma e il controllo degli accessi privilegiati, abilitando la crittografia nelle comunicazioni con i server da cui scaricare gli aggiornamenti stessi.

Pertanto, chi sta usando una delle schede madri affette dal problema è caldamente invitato ad aggiornare immediatamente il firmware, pur sapendo che così facendo il software di aggiornamento automatico resta in esecuzione, seppur in maniera da garantire la sicurezza più di quanto facesse prima.

Ciò non mette d'altra parte al sicuro dalla possibilità che, un giorno, per errore, Gigabyte rilasci un firmware buggato e che questo venga installato automaticamente, magari impedendo così il corretto funzionamento del computer.

Per ovviare a ciò non resta che disabilitare completamente il sistema di aggiornamento automatico: lo si fa dal menu UEFI, raggiungendo l'App Center e cercando la voce Download & Install, per poi disabilitarla.

È questa la soluzione migliore? Non esattamente. È pur vero che così facendo non si rischia di ricevere un update indesiderato, ma è anche vero che spesso gli aggiornamenti includono importanti correzioni relative alla sicurezza; se non si provvede a sorvegliare personalmente i nuovi rilasci e a installarli per tempo, in base alla loro rilevanza, si resta quindi comunque esposti a un potenziale pericolo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

O forse lo sottovalutano molto ritenendolo relativo ad una quota piccola dei loro clienti...
17-6-2023 18:50

Mi sembra proprio che in Gigabyte non abbiano ben chiaro il rischio che stanno correndo difronte ai loro concorrenti di Asus e MSI, ovvero che gli sottraggono quote di mercato relegandoli alla irrilevanza di un zero virgola percento del mercato.....
13-6-2023 23:57

{idro}
...e Gigabyte ha dovuto essere messa alla gogna per fare quello che avrebbe dovuto fare fin da subito ? (cosa già errata come filosofia). E' evidente che Taiwan non è poi così lontana dalla Cina.
12-6-2023 09:41

Ci sarebbe una terza via: avvisare l'utente, via email, della disponibilita' di un nuovo firmware. In questo modo l'utente potrebbe disattivare l'aggiornamento automatico, senza rischiare di perdere un rilascio. . Leggi tutto
11-6-2023 16:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
S, ma in azienda non me lo permettono.
No.
S, ma solo alcuni giorni alla settimana.
S, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2684 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 settembre


web metrics