Intelligenza artificiale negli smartphone



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-02-2024]

Galaxy S24 Series main1

Samsung ha appena presentato gli smartphone con intelligenza artificiale integrata o on-device. Probabilmente a questo punto siete un po' stufi di sentire l'ennesimo annuncio di un prodotto al quale viene aggiunta l'intelligenza artificiale e in effetti molto spesso si tratta di un'aggiunta fatta più che altro per cavalcare la popolarità della IA e spacciare per nuovo qualcosa che tutto sommato non lo è.

Ma in questo caso la novità è importante, anche se a prima vista si tratta di qualcosa che abbiamo già sui nostri smartphone attuali. Per esempio, con i nuovi smartphone con IA integrata si può inquadrare un oggetto, indicarlo disegnandogli intorno un cerchio sullo schermo, e farsi dare informazioni utili su quell'oggetto: una cosa che si può già fare, grosso modo, con app come Google Lens. Si possono elaborare le immagini, per esempio togliendo i riflessi da una foto fatta attraverso una vetrina o un finestrino oppure cambiando lo sfondo di una fotografia, ma anche questo già si fa con i filtri e le app offerte da molti social network. Si può chiedere la trascrizione e la traduzione istantanea di una conversazione, come fanno già le app di trascrizione e traduzione, appunto. E sugli smartphone con IA integrata si può chiedere il riassunto di un testo o la composizione di una mail o di un post per i social network, come si fa già con ChatGPT e simili.

Ma allora dove sta la novità? Sta su due livelli: il primo è l'integrazione di questi servizi direttamente nelle app, per cui per esempio per tradurre non serve aprire l'app apposita e separata, ma si può usare questo nuovo servizio di traduzione restando nell'app che si sta usando. Possiamo usare il servizio di traduzione istantanea durante una telefonata, conversando con una persona che non parla la nostra lingua. Questo rende molto più veloci e fluide le attività da svolgere con lo smartphone. Si può essere più produttivi ed efficienti, per lavoro o per svago.

Il secondo livello, però, è quello più importante: con gli smartphone con intelligenza artificiale integrata, l'elaborazione viene svolta in tutto o in parte sul telefono invece che sui server remoti di qualche grande azienda. Questo vuol dire che i servizi di IA di questi nuovi telefoni funzionano, in alcuni casi, anche senza accesso a Internet.

Per esempio, il servizio di traduzione in tempo reale funziona anche a bordo degli aerei, in galleria o in qualunque altro posto in cui non c'è campo e non c'è il Wi-Fi. L'elaborazione locale, inoltre, elimina i tempi morti dovuti alla necessità di inviare i dati a un server remoto, farglieli elaborare e poi aspettare che vengano ricevuti i risultati. Ma soprattutto questa elaborazione locale significa che i nostri messaggi, le nostre conversazioni, le nostre foto vengono spesso trattate sul nostro dispositivo, senza finire nelle mani di qualche grande azienda che poi può analizzarle e rivenderle.

La IA integrata nei telefoni, insomma, è potenzialmente un enorme vantaggio in termini di privacy. Dico "potenzialmente" perché sfogliando le note scritte in piccolo delle pagine informative di Samsung emerge che almeno per ora molti dei servizi di intelligenza artificiale incorporati nel telefonini richiedono una connessione attiva a Internet e un account Samsung, diversamente da quanto riportato da alcuni articoli di recensione un po' troppo entusiasti. Bisogna insomma leggere attentamente le avvertenze per capire realmente come stanno le cose caso per caso. E leggendo quelle avvertenze ci si accorge anche che ricorre anche un'altra frase tipica dell'intelligenza artificiale: "l'accuratezza dei risultati non è garantita". Per cui, insomma, non è il caso di fidarsi troppo delle traduzioni o dei riassunti fatti con questi strumenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

:lol: :lol: :lol:
16-2-2024 18:37

e chi ha mai detto che sia stata istruita la IA dello smartphone? :-# Se uno è abbastanza credulone ingenuo da cascare nella pubblicità, non sara in grado di accorgersi se abbia o meno una vera IA nel suo telefono. :ipno:
12-2-2024 21:59

mi sembra che si usi l'intelligenza artificiale anche quando non c'è nulla dietro se non un buon software. Per avere un intelligenza artificiale servono tera e tera di byte per istruirla, come fanno su uno smartphone?
12-2-2024 11:08

L'IA on-device è un altra grande mistificazione per far credere agli utenti che la loro privacy è maggiormente difesa mentre, in realtà, figuriamoci se le aziende che producono questi device si fanno sfuggire l'occasione per profilare ulteriormente e sempre più precisamente i loro utenti.
11-2-2024 15:06

Intelligenza artificiale a rate, e qualche volta manco ci piglia :evil:
10-2-2024 18:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa manca nel tuo notebook attuale e vorresti che fosse presente? Aggiungi eventualmente la risposta nei commenti.
Una maggiore risoluzione del display
L'uscita VGA
Un processore più veloce
Più memoria Flash
La possibilità di utilizzare una batteria più capace
La porta LAN
Almeno una porta USB supplementare o una USB 3.0
Più memoria RAM
Il touchscreen

Mostra i risultati (1898 voti)
Febbraio 2024
Flipper Zero non è un gadget per “hackerare tutto”
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 febbraio


web metrics