Julian Assange potrà ricorrere in appello contro l'estradizione negli USA

I giudici di Londra non hanno ritenuto sufficienti le garanzie promesse dal governo americano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2024]

Julian Assange ha ottenuta una piccola vittoria: la Corte di Londra chiamata a esprimersi per deciderne l'estradizione negli Stati Uniti ha garantito ad Assange il diritto di ricorrere in appello.

La decisione si basa su quanto stabilito già lo scorso marzo (quando l'udienza fu rinviata al 20 maggio), ossia che ad Assange sarebbe stato concesso di ricorrere in appello se il governo americano non fosse stato in grado di garantire certe condizioni una volta giunto su suolo americano e processato.

L'accusato deve infatti poter godere di tutte le tutele stabilite dal primo emendamento della Costituzione USA, non gli deve essere inflitta la pena di morte, e non deve rimanere vittima di pregiudizi durante il processo a causa della sua nazionalità.

Gli avvocati di Assange hanno preferito ignorare la questione della pena di morte, che avrebbe rappresentato un terreno più difficile, ma invece hanno argomentato che non ci siano garanzie sul rispetto del primo emendamento (riguardante tra le altre cose la libertà di parola, di stampa e di riunione), e che ci siano pregiudizi nei confronti di Assange a causa della sua nazionalità (Assange è nato in Australia).

I giudici si sono trovati d'accordo con le argomentazioni, e così lo spazio per l'appello è stato concesso; una data per la prossima udienza però ancora non è stata fissata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

in parte si ma se non avranno la testa di Assange ( e possibile che il futuro governo inglese sia meno suddito degli USA visto che hanno deciso dopo 50 anni di tornare a sviluppare in proprio i missili per i sottomarini nucleari) ed invece lui torna libero, allora il segnale diramato sarebbe di nuovo un via libera, stavolta fatto da... Leggi tutto
28-5-2024 12:14

Per ora è solo un rinvio, vedremo quanto gli inglesi resisteranno, in Italia lo avrebbero comunque consegnato subito.
23-5-2024 18:26

{nedor}
estradizione o no...hanno raggiunto lo scopo....risolvere il problema senza eliminare (fisicamente) la causa del problema...
22-5-2024 10:43

{ederlezi}
Per i legulei la questione si basa su complesse interazioni di leggi di vari Stati, ma per noi del popolino ci sono troppo pochi Assange, Manning e Snowden in circolazione e anzi, adesso non ce ne sono proprio più. Ci auto-illudiamo di essere in una democrazia, ma in una democrazia le leggi sono fatte per le persone, così... Leggi tutto
21-5-2024 10:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi non ha pagato l'assicurazione auto verrà individuato grazie a una serie di controlli incrociati con videocamere stradali e dati del Ministero. Che cosa ne pensi?
L'uso della tecnologia è diventato troppo invadente. Ogni giorno ci viene sottratta un'ulteriore fetta di privacy.
Ben vengano i controlli, se servono a diminuire le tasse (o i premi di assicurazione) di quelli che onestamente le pagano.
Il provvedimento va a colpire soltanto i disperati, che con la crisi cercano di arrangiarsi.
I veri evasori non si faranno certo acchiappare con questi mezzucci.
Prima di tutto bisognerebbe abbassare i costi delle assicurazioni.
Io non pago né l'assicurazione auto, né il canone Rai, né niente!
Viaggio solo in autobus o in bicicletta, non mi riguarda.

Mostra i risultati (2720 voti)
Giugno 2024
Il viaggio verso Marte rischia di devastare i reni degli astronauti
2030, Mastercard elimina il numero della carta di credito.
HP, un BIOS difettoso rende inutilizzabili i ProBook
Adobe, utenti in rivolta contro i nuovi Termini d'Uso
Napster compie 25 anni
Tre libri
Maggio 2024
Chatbot, fallimenti a ripetizione
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 giugno


web metrics