Tutto sul Weblog

Spazio dedicato a un'approfondita analisi delle sue utilità e qualità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-06-2004]

Il blog possiede dei vantaggi è di facile utilizzo, la scrittura è più stimolante (si scrive per un pubblico), si assiste al superamento dell'uso passivo di Internet e quindi al passaggio ad un tipo di comunicazione push&pull che si alimenta di ogni stimolo messo a disposizione dalla comunità virtuale.

La capacità dei weblogs di porsi come sistemi di comunicazione dinamici e aperti, facilmente aggiornabili, rende superflue anche certe tradizionali Intranet scolastiche poco utilizzate.

Questi strumenti favoriscono l'esercizio quotidiano della scrittura nei ragazzi, che apprendono gradualmente a concretizzare il proprio punto di vista attraverso il linguaggio, avendone intese le enormi potenzialità che porta con sé. La possibilità che si prospetta è quindi quella di sviluppare un pensiero critico che trova il suo punto di partenza in Internet.

Web+log

"Today we say media instead of the press. But it's a mistake. The press has become the ghost of democracy in the media machine, and we need to keep it alive" (Jay Rosen, scrittore e critico americano che si occupa principalmente del ruolo dei media nella democrazia)

"Weblog è un termine di lingua inglese che deriva dalla contrazione dei termini web e log. Web è lo spazio di Internet in cui vengono pubblicati siti... log è un diario in cui vengono registrati gli eventi in ordine cronologico" (Maurizio Dovigi, Blog: il tuo pensiero online con un clic, Apogeo).

Un weblog è un sito costruito su un'unica pagina che raccoglie notizie (post) inviate dall'autore del blog ed aperte ai commenti dei lettori. Il blog è riconoscibile dal tipo di grafica povera e priva di effetti speciali. "E' in genere formato da tre campi verticali. Quello centrale di solito contiene i testi pubblicati, (o postati dal verbo inglese to post, imbeccare), in ordine cronologico, le bande laterali contengono l'elenco dei link e gli archivi dei testi suddivisi per periodo" (Maurizio Dovigi, Blog: il tuo pensiero online con un clic, Apogeo).

Il fenomeno dei blog nasce nel 1999, dalla creatività di due ragazzi americani, Evan Williams e Meg Hourihan, ideatori di un software che, grazie al sito internet www.blogger.com, permette di pubblicare una pagina web in pochissimi minuti. Il primo blog accreditato è quello di Dave Winer, fondatore di Userland software nella Silicon Valley, creato nel 1995.

In Italia i primi blog nascono nel 2000, Antonio Cavedoni è uno dei precursori, nel 2001 la prima community.

Nel 2002 i blog entrano nell'università italiana. Nel programma del Master in giornalismo scritto e online attivato presso l'Università di Urbino, il blog diventa materia di studio. La natura del weblog è varia ed esistono motori di ricerca appositamente pensati per questo universo.

Ci sono weblogs "intimistici" o "diaristici", centrati cioè sulle riflessioni, sui pensieri e sugli appunti esistenziali dei singoli. Altri si occupano di micro-realtà individuali: reti di idee, nate spontaneamente, animate da privati cittadini, capaci di offrire terreno fertile di informazione e crescita per una vasta comunità di utenti.

Ci sono weblogs legati ad associazioni, a movimenti o gruppi associati, che danno conto di realtà quotidiane diffuse, ma spesso senza possibilità di espressione sui canali ufficiali di comunicazione.

A questo livello, i weblogs costituiscono sicuramente un fenomeno molto interessante, che merita di crescere ed incontrare il favore dei naviganti di Internet alla ricerca di un tipo di informazione che, utilizzando canali convenzionali, rischierebbe probabilmente di non giungere mai al destinatario; il blog quindi come editoria del popolo per il popolo.

Didattica e Weblog

Il blog può rientrare con il beneficio di tutti, genitori insegnanti e ragazzi nella didattica. Un blog per la classe può rappresentare un'occasione per tenere un diario on line dei progetti in corso.

Un blog per gli insegnanti rende più semplice e rapido comunicare con le famiglie e quindi coinvolgerle nei progetti scolastici. L'utilizzo dei weblogs a scuola è pratica didattica corrente già da alcuni anni, all'estero. Esemplari i casi della British School of Amsterdam e della Hunterdon Central Regional High School in Flemington, New Jersey. Mr. Ford, docente presso la British School of Amsterdam, utilizza da anni i weblogs con i propri allievi.

Il blog possiede dei vantaggi è di facile utilizzo, la scrittura è più stimolante (si scrive per un pubblico), si assiste al superamento dell'uso passivo di Internet e quindi al passaggio ad un tipo di comunicazione push&pull che si alimenta di ogni stimolo messo a disposizione dalla comunità virtuale.

La capacità dei weblogs di porsi come sistemi di comunicazione dinamici ed aperti, facilmente aggiornabili, rende superflue anche certe tradizionali intranet scolastiche poco utilizzate.

Questi strumenti favoriscono l'esercizio quotidiano della scrittura nei ragazzi, che apprendono gradualmente a concretizzare il proprio punto di vista attraverso il linguaggio, avendone intese le enormi potenzialità che porta con sé. La possibilità che si prospetta è quindi quella di sviluppare un pensiero critico che trova il suo punto di partenza in Internet.

I siti delle classi di Mr.Ford danno immediatamente un'idea del coinvolgimento entusiasta dei suoi allievi: http://class6f.manilasites.com/, http://www.bsablogs.com/class6f/.

Un altro interessante esempio di uso didattico dei weblogs è fornito da Mr.Will Richardson, insegnante presso la Hunterdon Central Regional High School in Flemington, New Jersey. Il sito realizzato dal professore , "Weblogg-ed. Using weblogs in education", propone idee, riflessioni e suggerimenti per l'utilizzo proficuo dei weblogs in ambito scolastico.

Il sito permette anche di entrare in contato con altri docenti che hanno sperimentato gli edublog e che intervengono in questo spazio all'interno di un dibattito didattico davvero stimolante. Da un documento di programmazione didattica per l'uso di weblogs in classe, ricaviamo alcune interessanti riflessioni:

"Internet è diventato uno strumento molto utilizzato nelle classi delle scuole superiori e viene utilizzato quotidianamente da studenti ed insegnanti per ricerche e comunicazioni. Le difficoltà nascono dalla mancanza di competenze adeguate (uso dei software, conoscenza del codice HTML, accesso ad un proprio spazio su server). Per queste ragioni, pochi studenti possono esplorare fino in fondo le possibilità di pubblicazione che offre Internet.

I weblogs offrono una possibilità: sono facilmente creabili, gestibili ed aggiornabili attraverso una semplice connessione ad Internet. Alla Hunderdon Central i weblogs sono stati utilizzati nelle classi di giornalismo, media e letteratura per una molteplicità di scopi. Gli insegnanti li hanno usati come siti web di classe, in cui poter postare (inviare) links e materiali supplementari di particolare importanza, elencare e fornire accesso ai lavori per casa, comunicare informazioni sulle modalità di esecuzione dei compiti.

Essi hanno utilizzato i weblogs anche per creare on line dei portfolio professionali, capaci di evidenziare i lavori multimediali realizzati nelle classi. Gli studenti li hanno utilizzati per creare siti di giornalismo on line, portfolio elettronici, siti di discussione letteraria, in cui gli autori dei libri letti in classe hanno potuto partecipare al dibattito della classe."

L'edublog in Italia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2171 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics