Cina, terreno fertile per i motori di ricerca

La Cina è il nuovo campo di battaglia dei motori di ricerca. Fanno le prime mosse Google e Yahoo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-06-2004]

In questo periodo è molto viva la battaglia dei motori di ricerca nel campo delle web mail. Pensiamo alla futura web mail di Google, Gmail, che offre 1 Gbyte di spazio di archiviazione; Yahoo! risponde aumentando lo spazio di archivazione da 6 Mbyte a 100 Mbyte, Hotmail si prepara a passare da 2 a 25 Mbyte.

Una nuova terra di battaglia per i motori di ricerca si ha ora nel mondo asiatico, in Cina. Infatti, in meno di una settimana dall'annuncio di Google di investire nel motore cinese Baidu, Yahoo! lancia un proprio motore di ricerca in Cina, Yisou, che significa in cinese "Numero uno della ricerca".

La Cina ha attualmente all'incirca 80 milioni di utenti connessi al web, anche se, putroppo, lo sviluppo del web è molto frenato dalle limitate libertà dei cybernauti e dall'eccessivo controllo delle autorità governative.

Basti pensare che, dallo scorso febbraio, sono stati chiusi oltre 8600 internet café e ai rimanenti sono state imposte regole molto rigide: collegamento a internet controllato da un tutor e lontananza di almeno 200 metri dalle scuole.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1504 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics