Microsoft brevetta il corpo umano

Un nuovo passo nel mondo dei brevetti: l'azienda di Redmond è riuscita a brevettare niente meno che la conducibilità elettrica del corpo umano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-07-2004]

Dopo un iter iniziato nell'aprile 2000, Microsoft è riuscita a brevettare "un metodo e un apparato per la trasmissione di energia e dati sfruttando il corpo umano", ovvero la conducibilità elettrica del corpo umano.

Microsoft afferma che si potrebbe sfruttare questa conducibilità per farne un mezzo attraverso cui trasmettere dati, una specie di bus di comunicazione a cui collegare diversi dispositivi (orologi da polso, palmari e via dicendo) e farli comunicare fra loro.

Chris Bucke, un professore dell'Università di Westminster, ha dichiarato che è possibile sfruttare, almeno teoricamente, il corpo umano anche per tale scopo.

Un portavoce del big di Redmond afferma che "Microsoft non ha tenuto recentemente discussioni su questo brevetto e non progetta attualmente alcun prodotto che sfrutti questa tecnologia".

Si avvicina sempre di più il giorno in cui verrà brevettata anche l'aria che respiriamo e in cui dovremo iniziare a pagare pegno per sopravvivere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

CAMILLO SALVATORE
la conducibilita del corpo di un organismo é variabile . ESSA DOVREBBE ESSERE MISURATA PIU VOLTE AL GIORNO NE VALE LA PENA ?
14-9-2004 19:17

concordo com Leggi tutto
10-7-2004 11:33

A.Pani
scusate Leggi tutto
2-7-2004 15:34

maxfreedom
chissenefrega........ Leggi tutto
2-7-2004 13:46

Alex
L'IBM ha brevettato... Leggi tutto
2-7-2004 12:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ť la tua app di instant messaging preferita?
WhatsApp
Telegram
Wickr
LINE
Kik
Tango
WeChat
Viber
Indoona
Snapchat
Facebook Messenger
Un'altra (indicala nei commenti qui sotto)

Mostra i risultati (2003 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics