Arrivano i farmaci col sorgente aperto

Le multinazionali farmaceutiche non trovano conveniente sviluppare farmaci contro le malattie tropicali. La risposta della comunità scientifica assomiglia tanto al nostro amato free software.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2004]

Lo sviluppo di farmaci per le malattie tropicali, come la leishmaniosi e la malattia del sonno africana, è raramente una priorità per le società farmaceutiche commerciali.

I governi e le ONG hanno affrontato questo problema attraverso sovvenzioni alla ricerca su questi farmaci, direttamente o commissionando progetti di ricerca alle stesse aziende farmaceutiche. Ma un approccio senza dubbio più affascinante è quello di rendere accessibili pubblicamente le scoperte su alcuni farmaci, creando, per le cosiddette "malattie dimenticate", una grande comunità di ricerca contraddistinta dall'approccio collaborativo tipico delle organizzazioni di sviluppo di software libero.

Stephen M. Maurer, Arti Rai e Andrej Sali, nel numero di novembre di PLoS Medicine, propongono un l'iniziativa "Malattie Tropicali" che chiede "agli scienziati del settore di condividere la conoscenza, e alle istituzioni accademiche di donare dati e strumenti di ricerca, in cambio di ricompense non pecunarie, come la soddisfazione personale o la notorietà".

I ricercatori sostengono che bypassare i brevetti spronerebbe la competizione nello sviluppo di farmaci con scarsa rilevanza commerciale. Replicare il sano spirito che anima le comunità di sviluppo software free, come Mozilla.org, potrebbe risolvere il problema delle malattie dimenticate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Luca Cappelletti
Concordo con la condivisione Leggi tutto
24-1-2005 10:13

Franco
sarebbe meraviglioso Leggi tutto
8-1-2005 16:02

Ignazio
Un'ottima idea... Leggi tutto
1-1-2005 21:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1396 voti)
Gennaio 2022
Iliad smentisce le voci di fusione e lancia la fibra
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics