Arrivano i farmaci col sorgente aperto

Le multinazionali farmaceutiche non trovano conveniente sviluppare farmaci contro le malattie tropicali. La risposta della comunità scientifica assomiglia tanto al nostro amato free software.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-12-2004]

Lo sviluppo di farmaci per le malattie tropicali, come la leishmaniosi e la malattia del sonno africana, è raramente una priorità per le società farmaceutiche commerciali.

I governi e le ONG hanno affrontato questo problema attraverso sovvenzioni alla ricerca su questi farmaci, direttamente o commissionando progetti di ricerca alle stesse aziende farmaceutiche. Ma un approccio senza dubbio più affascinante è quello di rendere accessibili pubblicamente le scoperte su alcuni farmaci, creando, per le cosiddette "malattie dimenticate", una grande comunità di ricerca contraddistinta dall'approccio collaborativo tipico delle organizzazioni di sviluppo di software libero.

Stephen M. Maurer, Arti Rai e Andrej Sali, nel numero di novembre di PLoS Medicine, propongono un l'iniziativa "Malattie Tropicali" che chiede "agli scienziati del settore di condividere la conoscenza, e alle istituzioni accademiche di donare dati e strumenti di ricerca, in cambio di ricompense non pecunarie, come la soddisfazione personale o la notorietà".

I ricercatori sostengono che bypassare i brevetti spronerebbe la competizione nello sviluppo di farmaci con scarsa rilevanza commerciale. Replicare il sano spirito che anima le comunità di sviluppo software free, come Mozilla.org, potrebbe risolvere il problema delle malattie dimenticate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Luca Cappelletti
Concordo con la condivisione Leggi tutto
24-1-2005 10:13

Franco
sarebbe meraviglioso Leggi tutto
8-1-2005 16:02

Ignazio
Un'ottima idea... Leggi tutto
1-1-2005 21:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1409 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics