L'hackumer e il cancro

Contro il paternalismo della medicina, un approccio hacker alla lotta contro il cancro. Trasparenza e concetti alla portata di tutti, via internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-01-2005]

Alexander Horwin aveva due anni, nel 1999. La diagnosi era stata infausta fin da subito: tumore al cervello. Ma i suoi genitori Michael e Rafaele non avevano perso le speranze. Un nuovo tipo di chemioterapia, una nuova, labile speranza. Certo, c'era una carrettata di rischi collaterali, tra cui infezioni, danni al cuore, ai polmoni, sordità, sterilità, solo per nominarne alcuni. Ma i medici la consigliavano fortemente, era l'opzione migliore.

Così acconsentirono al trattamento. Non ebbero nemmeno il tempo di rendersi conto di quello che stava accadendo: il tumore si sviluppò con una velocità inattesa su tutto il corpo, e il piccolo morì quattro mesi dopo. Per chi volesse approfondire la storia, ecco un altro link.

La morte, quasi sicuramente, sarebbe arrivata in ogni caso. Ma gli Horwin si stupirono nell'apprendere, solo tempo dopo, dell'esistenza di alcuni studi clinici. Essi mostravano che la stessa chemioterapia di Alexander aveva accelerato la morte di centinaia di altri bambini, della stessa età e con lo stesso tipo di patologia.

Avessero avuto queste notizie prima, probabilmente avrebbero fatto scelte diverse. Così nacque l'idea di Cancer Monthly, un sito libero sviluppato insieme ad alcuni amici, con lo scopo di aiutare pazienti a valutare le opzioni di trattamento e di scoprire se hanno migliorato la qualità della vita a qualcuno. Proprio all'inizio di quest'anno, il sito è stato ufficialmente inaugurato.

Ai malati di cancro sono spesso prescritti farmaci di cui non sanno niente, e per essi fare ricerche su rischi e benefici può essere impervio, se non impossibile. L'iniziativa colma questo buco: "Non facciamo altro" dice Michael Horwin,"che prendere la letteratura medica e tradurla in una lingua che un paziente di cancro può capire. Così può valutare una cura proposta su reali risultati clinici."

Gli Horwin non sono medici, ma il loro approccio scientifico, e gli esperti da cui traggono le informazioni, permettono di assicurare l'esattezza delle loro traduzioni, complete di link agli abstracts degli studi originali. Il sito è veramente notevole, e appare come uno strumento utilissimo per chi si dibatte tra sete di conoscenza e paura della verità. Gli autori dimostrano pienamente di avere entrambe le doti dell'hackumer: competenza e generosità.

L'argomento è delicato. È innegabile che la trasparenza non sia la miglior virtù dei medici, soprattutto di quelli che si occupano di malattie gravi. Certo, hanno le loro buone ragioni, la psicologia è spesso un elemento determinante della riuscita di una cura, e loro intendono giocare quella carta fino in fondo. Per questo dosano le informazioni, a fin di bene, a loro piacimento.

Talvolta, se ritenuti in grado, i parenti più prossimi vengono coinvolti in questo gioco, diventando complici della terapia della menzogna (sono crudo, ma di questo si tratta).

Si può discutere per anni senza trovare un accordo. Da un lato ci sono i tecnocrati paternalisti, che sostengono che solo i medici hanno abbastanza competenze per valutare i pro ed i contro dei trattamenti. Dall'altro ci sono quelli che sostengono che l'informazione adeguata è un diritto sacro e dovuto, aldilà delle possibili conseguenze.

Quest'ultima, volenti o nolenti, è un'impostazione hacker: l'individuo vuole conoscere e intervenire sulla terapia (la macchina), anche se non è affatto detto che le cose miglioreranno dopo il suo intervento. Anche se è in gioco la sua stessa vita.

Tutto quanto detto finora parte dal necessario presupposto della buona fede del medico. Ma se seguiamo il detto secondo cui "a pensar male si fa peccato, ma spesso ci s'azzecca", si aprono scenari impressionanti. Eppure è una prospettiva niente affatto improbabile: conoscenza è potere, e caricare una sola persona di questo potere può essere una mossa vincente, se il medico può reggere l'enorme responsabilità. Ma se non ce la fa, se è debole (o peggio, disonesto) e reattivo alle pressioni degli informatori delle farmindustrie, allora siamo nel campo del delitto.

Le terapie in questione sono spesso sperimentali, e, nell'interesse superiore della ricerca, talvolta c'è bisogno della cosiddetta prova in bianco, quella senza farmaci o con farmaci farlocchi.

Inoltre, molte case farmaceutiche sono solite fare ingenti investimenti in informazione (magari condita di gadget, perché no?) per promuovere prodotti, magari scadenti, ad alto margine. La letteratura sulle malefatte delle aziende farmaceutiche è sterminata: ci limitiamo a linkare un sito e un fatto di cronaca.

Chi tutela il paziente da una simile eventualità? Nient'altro che l'approccio hacker, e l'accesso ad un'informazione semplice e corretta. Ben vengano i siti come quello degli Horwin, dunque, e speriamo che qualche progetto si occupi della sua traduzione in italiano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

pochi esperti a livello internazionale hanno le conoscenze di tutte le branche della medicina necessarie a migliorare cre esistenti.fondamentale è la fisiologia per unirle...raccogliere fondi per queste persone sarebbe un passo avanti; le case non finanzierebbero ciò che chiude un mercato dei farmaci di mld senza aprirne uno... Leggi tutto
10-9-2005 00:51

DELLA QUALITA' DI CURA VI SIETE ACCORTI? Leggi tutto
11-3-2005 01:44

romano
estremamente interessante
20-2-2005 15:58

Paride
ok! Leggi tutto
20-1-2005 11:16

Michele Bottari
Per Paride Leggi tutto
18-1-2005 11:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1220 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics