Nasce l'open source biology

Una nuova tecnica transgenetica è rilasciata in Australia sotto BIOS, una licenza Open Source. Aspettative e perplessità sull'evoluzione delle biotecnologie free.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-02-2005]

Il controllo del comparto biotecnologico mondiale è concentrato nelle mani di poche multinazionali, a causa della diabolica rete di brevetti, da loro appositamente costituita. I brevetti selvaggi, un male del nostro tempo, creano ostacoli, reali e soprattutto percepiti, all'uso efficace delle biotecnologie per i miglioramenti agricoli da parte di molte organizzazioni pubbliche e private mondiali. Solo un pazzo potrebbe avventurarsi in quella giungla per svolgere delle ricerche. Con buona pace di quelli che sostengono che i brevetti sono un incentivo all'innovazione.

All'interno di CAMBIA, il Centro per le Applicazioni di Biologia Molecolare per l'Agricoltura Internazionale, in Australia, un gruppo di ricercatori si vuole sottrarre a questo giogo ed ha costituito la BIOS - Biological Innovation for Open Society, un nuovo paradigma di licenza per metodiche scientifiche, che permette ai risultati delle ricerche di essere migliorati, condivisi e considerati come commons, cioè risorse pubbliche. Ma tuttavia consente di brevettare prodotti, ove necessario.

"Queste licenze sono la base di un movimento crescente, che permetterà ai ricercatori, anche nei paesi i più poveri del mondo, di scegliere e sviluppare tecnologie di miglioramento agrario che soddisfano le priorità dei popoli e non quelle delle multinazionali", dice Richard Jefferson, professore alla Charles Sturt University e direttore generale del CAMBIA.

La scoperta licenziata con la BIOS non è coperta da brevetto. Dunque gli scienziati sono liberi di usare la tecnica senza restrizioni commerciali, ma devono condividere qualunque miglioramento ottenuto con questo 'kit di strumenti' scientifico. "Non è una questione di costi, si tratta di liberare una grande quantità di risorse intellettuali dal cappio delle multinazionali".

L'Open Source Biology muove i primi passi rilasciando una scoperta, si suppone, gravida di usi nuovi in termini di interazioni naturali tra batteri e piante per conseguire la trasformazione di pianta. Fino ad oggi la chiave del trasferimento di DNA modificato sulle piante è stato un organismo, l'Agrobacterium. È uno dei più efficaci (e protetti) sistemi di manipolazione genetica delle piante. Traduco: chi vuole usare l'Agrobacterium, l'unico capace di trasferire i geni estranei alle piante, deve pagare costose royalty. L'organismo è infatti protetto da centinaia di brevetti, di cui sono titolari giganti del biotech come Monsanto e Syngenta.

A quanto pare c'è un'alternativa open: i ricercatori del CAMBIA hanno scoperto che altre specie di batteri benigni possono essere modificati in maniera sorprendentemente semplice per lo stesso scopo. È questo il contenuto di una pubblicazione nella prestigiosa rivista scientifica Nature. Questa metodica di trasferimento del gene sarà messa a disposizione della comunità di ricercatori come Open Source, conformemente alla BIOS.

Le reazioni delle multinazionali tendono alla minimizzazione: il portavoce di Syngenta, per esempio, ha detto: "Esistono già altre tecnologie alternative all'Agrobacterium, niente di sconvolgente per il mondo della ricerca".

Le novità non finiscono qui: oltre a licenza e scoperta, è stata lanciato anche il portale BioForge, una motore di ricerca on line per commons protetti da licenze BIOS.

"BioForge significa condividere capacità e costruire delle comunità per l'innovazione per affrontare sfide mondiali come la salute, la povertà e la fame, affidandosi a risorse oggi inutilizzate, i cervelli fuori dal giro delle multinazionali", dice Jefferson.

Due perplessità: la prima è di natura tecnica e riguarda la struttura mista "brevetto-conoscenza condivisa" della BIOS licence. Non sappiamo fino a che punto possa reggere legalmente agli attacchi degli avvoltoi della proprietà intellettuale, e soprattutto dei loro avvocati. La GNU-GPL, che in apparenza è molto più stabile, ha dovuto passarne di cotte e di crude per assumere una credibilità condivisa, e ancora oggi qualcuno la mette in discussione. Il punto più debole è quanto la BIOS possa essere virale, cioè contaminare anche le scoperte successive a quella copyleftata. Se per esempio la Monsanto, utilizzando la metodica BIOS condivisa, riuscisse a brevettare per sè stessa una specie vegetale, si otterrebbe l'infausto risultato di favorire la chiusura della conoscenza.

L'altra perplessità è di tipo etico e riguarda, in generale, le biotecnologie. Se da un lato troviamo incoraggiante che qualcuno si opponga ai giganti dell'OGM, è piuttosto deludente che lo si faccia utilizzando tecnologie sì open, ma OGM anch'esse. Il tutto senza che si siano chiariti definitivamente i pericoli per l'ecosistema derivanti dall'accelerazione monodirezionale e monocolturale che l'agricoltura potrebbe prendere grazie a queste tecnologie. Meglio, molto meglio usare le metodiche tradizionali.

Scrive il nostro amico Alberto Olivucci, contadino hacker, su "Seminando": "I contadini hacker non hanno intenzione di copiare i brevetti sui semi ma di aggirarli creando nuove e, se possibile, migliori varietà per un modello di agricoltura ecocompatibile. A questo ci possiamo arrivare condividendo le esperienze, i risultati delle nostre sperimentazioni e i semi selezionati. Penso al Prof. Raoul Robinson che mette a disposizione gratuita i suoi libri su come selezionare le piante ristabilendo la loro naturale resistenza alle malattie sul sito www.sharebooks.ca. Penso anche a libri di buona qualità come 'Breed your own variety' di Carol Deppe dove si insegna a creare nuove varietà e a trarre linee stabili dai  semi ibridi."

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Ferdinando
no brevetti Leggi tutto
15-2-2005 19:32

Michele Bottari
Ciao, Paride.Ora ci siete tutti :-)Solo una puntualizzazione: io su questo argomento non ritengo di avere la verità in tasca. Ho alcune perplessità. Non parlerei quindi di pregiudizi, ma di pre-perplessità.E se la BIOS licence non fosse una bufala, molte di queste potrebbero cadere.
15-2-2005 11:29

Paride
Sottoscrivo... Leggi tutto
15-2-2005 10:56

Michele Bottari
Ciao, Ferdinando.> commenti conservatori e pregiudiziosi sulle > biotecnologie. Sono solo punti di vista...> si ignora l'impatto del "selezionare le piante > ristabilendo la loro naturale resistenza alle > malattie" o del "creare nuove varietà e a trarre > linee stabili dai semi ibridi." > Solo per aver usato il termine... Leggi tutto
15-2-2005 10:50

Ferdinando
Rimanete nel vostro ambito coi commenti Leggi tutto
15-2-2005 09:36

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale di queste affermazioni concordi maggiormente?
Il Governo sta facendo troppo poco per portare la banda larga anche nelle zone pi remote.
Il Governo riuscir a migliorare la diffusione della banda larga.
Il Governo vorrebbe fare di pi per la diffusione della banda larga, ma mancano le risorse.
Il Governo non sta facendo abbastanza per reperire risorse per la banda larga.
Al Governo non frega nulla della banda larga a meno che qualche lobby o qualche gruppo finanziario o industriale gliela chieda; a quel punto trover il modo di mettere una nuova tassa ai pensionati o ai lavoratori dipendenti per reperire i fondi.

Mostra i risultati (3335 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics