Il Patto di Sanremo è solo fumo

Il Patto di Sanremo, proposto dai ministri Gasparri, Stanca, Urbani e sottoscritto da cinquanta tra imprese e associazioni di settore, è solo un'operazione di immagine.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-03-2005]

Foto di lucretious@gmail.com

I ministri per l'innovazione tecnologica Lucio stanca, per le comunicazioni Maurizio Gasparri, per la cultura Giuliano Urbani hanno lanciato, in pompa magna e con grande clamore, il "Patto di Sanremo" per tutelare il diritto d'autore sulla Rete e per favorire l'offerta di contenuti digitali, facendo della Rete un ambiente sicuro, incentivando gli sviluppi tecnologici che possano permettere di offrire con tranquillità contenuti musicali, cinematografici, letterari, senza timore della pirateria on line. Il Patto è sottoscritto da cinquanta soggetti tra imprese delle Tlc, multimediali ed editoriali, cinematografiche e le varie associazioni di settore.

Sarebbe facile per chi ha sempre giudicato (in modo pesantemente negativo) la legge Urbani, che criminalizza il peer-to-peer e che è stata emendata solo parzialmente, mantenendo il reato penale, giudicare il Patto di Sanremo come un ennesimo giro di vite contro il peer-to-peer. Ma non è nemmeno così.

La realtà è che questa iniziativa interministeriale, copiata dai tavoli di concertazione in materia di politica economico-sociale tra imprese, sindacati ed esecutivo, che il Governo Berlusconi aveva voluto abbandonare e che ora ha ripreso per il tema del rilancio della competitività, è solo un'operazione di immagine: fumo negli occhi e niente più.

Si potrebbe contestare, in linea di principio, che il Governo si coordina con tutti tranne che con le associazioni dei consumatori e degli utenti della Rete. Ma la realtà è che il Patto di Sanremo è una maldestra operazione finalizzata a coprire proprio le inadempienze dei tre ministeri e delle loro politiche.

Urbani, ministro della cultura, è contestato dalle stesse Anica e Agis per i tagli selvaggi ai fondi per il cinema e lo spettacolo; non c'è nessuna volontà da parte sua di ridurre l'Iva su Cd musicali e Dvd, nessuna scelta forte per la digitalizzazione della cultura (come per esempio il progetto che i francesi annunciano in questi giorni di portare in Rete la Biblioteca di Parigi, per evitare che il progetto della biblioteca di Google aumenti e consolidi l'egemonia linguistico-culturale dei Paesi anglosassoni). Questo avviene in un Paese come l'Italia, la cui lingua è stata recentemente marginalizzata anche a livello ufficiale di Unione Europea.

Gasparri, che ultimamente fa pubblicità (direttamente come ministero) al digitale terrestre e all'offerta del calcio sul digitale di Mediaset e La7, non si sta muovendo per ridurre il digital divide nel nostro Paese, in termini di diffusione della banda larga e di riduzione delle tariffe Adsl, che costituiscono le principali barriere all'offerta e all'acquisto di contenuti digitali in Rete. Anche qui la leva fiscale volta a promuovere l'e-commerce, anche solo culturale, come viene fatto negli Usa, non viene nemmeno presa in considerazione. La Siae rimane commissariata e contestata sempre più dagli stessi autori.

Come tanti tavoli della concertazione, gli impegni sono solenni e ambiziosi; ma mancano regole, controlli, sanzioni, tappe concrete, leggi e incentivi per attuare i proclami che siano a favore del digitale o contro la pirateria on line.

Intanto il mondo della cultura, delle università, delle scuole e dei conservatori musicali, del cinema, scende in piazza contro un governo che sulla cultura investe sempre di meno. Per fortuna il Patto di Sanremo, anche con il suo potenziale repressivo, fatto di inviti a sviluppare contenuti digitali in fome irriproducibili, non ha alcuna valenza concreta: è stata solo una gita a Sanremo. Ci spiace per i tanti che si sono prestati a fare le comparse.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
SIAE, una picconata al monopolio

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

oreste
l'opposizione Leggi tutto
4-3-2005 21:08

Andrea
gente votate.. Leggi tutto
4-3-2005 11:10

egosumquisum
accidenti Leggi tutto
3-3-2005 18:24

stever
tutte scuse... Leggi tutto
3-3-2005 13:30

se avessi soldi avrei gia cambiato paese...n n cerco quello perfetto...ma almeno il male minore si...
3-3-2005 13:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I telefonini diventano sempre più potenti e sono dotati di fotocamere sempre migliori: a quella sul retro spesso se ne aggiunge una frontale, per meglio scattare i selfie. Per quanto riguarda l'utilizzo che ne fai tu personalmente, lo smartphone ha sostituito la fotocamera compatta tradizionale?
Sì. Non ho praticamente più bisogno di portarmi dietro la fotocamera perché quella dello smartphone è più che sufficiente per le mie esigenze nella maggior parte delle occasioni.
In parte. Sebbene la fotocamera sullo smartphone sia indubbiamente comoda, spesso ho la necessità di scattare foto di qualità migliore e con un dispositivo dedicato, quindi utilizzo molto anche la fotocamera.
No. Non posso fare a meno di portarmi dietro la fotocamera compatta, che per le mie esigenze non può affatto essere sostituita da uno smartphone.

Mostra i risultati (1378 voti)
Luglio 2018
Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Tutti gli Arretrati


web metrics