Le aperture di Microsoft

Ancora segnali di distensione verso il mondo dell'open source. La comunità deve rallegrarsi oppure cominciare a fare gli scongiuri?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-05-2005]

Il ponte di Brooklyn

Non bastava riconoscere l'esistenza di Linux: ora Microsoft cerca addirittura un dialogo col mondo Open Source. Poche settimane fa, Microsoft era platinum sponsor alla Open Source Business Conference. Ora, il general counsel (il capo degli avvocati, per capirci) della società, Brad Smith, ha invitato la comunità Open Source a un tavolo di collaborazione.

"Scopriamo insieme come avvicinare i vari aspetti del nostro lavoro. Non è necessario cambiare il modo di ciascuno di sviluppare software, ma possiamo costruire un ponte per poter cooperare l'uno con l'altro. Così dice Smith. E aggiunge: "creiamo nuove modalità di collaborazione, nuove licenze, nuovi sistemi di condivisione tecnologica e di regolazione di diritti."

Ogni tanto devo darmi un pizzicotto, per essere sicuro di non sognare. È tutto vero, o c'è qualche trucco?

La prima impressione è che sia solo una mossa di marketing. Non credo: non vi è dubbio che il buonismo sia l'imperativo attuale dalle parti di Redmond, ma una proposta del genere avrebbe avuto ben più impatto mediatico se fosse giunta dal capo Bill Gates, o da uno dei suoi luogotenenti. Se lo fa il responsabile dell'ufficio legale, l'impressione è che si tratti di una proposta concreta.

Ma che senso ha, per l'alfiere del copyright, chiedere collaborazione al mondo Open Source? Diamoci un'occhiata intorno: Linux sta guadagnando praticamente dovunque. Apple, dopo essersi unixata, ora è più pimpante e aggressiva che mai. Sun, presa alle strette, apre il sorgente del suo Solaris. La cooperazione è più forte della chiusura, come scriveva anche Zeus News qualche anno fa.

Certo, è un sistema inerziale, ci vuole un po' di tempo per farlo insediare, ma poi il software cresce, per qualità e quantità, in manera esponenziale. E adesso, se una società privata vuole reggere il ritmo di sviluppo raggiunto dalla comunità FLOSS (Free/Libre/Open Source Software), deve fare investimenti colossali.

Aziende come Sun e Novell non ce la possono fare. Microsoft sì, visto che Longhorn sta costando quanto lo sbarco sulla Luna. Ma per quanto, ancora? Meglio, dunque, esplorare possibilità di travasi tra codice aperto e proprietario. Questa, forse, è la spiegazione più convincente della mossa degli avvocati di zio Bill.

Ammesso che la proposta non sia falsa, possiamo considerarla onesta? Non siamo in grado di valutarlo, l'unica cosa che possiamo fare è ricordare i precedenti.

Per esempio, il destino della joint venture con IBM per la creazione di un sistema operativo rivoluzionario chiamato OS2, che fu ucciso dalla comparsa di Windows 95. Oppure il caso di Stac Electronics, che dovette far causa al partner di Redmond per farsi pagare il software di compressione su disco.

C'è un elenco sterminato di società che, solo avvicinandosi al colosso, sono state microsoftizzate, cioè fatte fallire o assorbite, e le loro tecnologie inglobate nei prodotti Windows e collegati.

L'abbraccio di Microsoft è una morsa potenzialmente mortale. La comunità open source abboccherà? Più che una prospettiva, sembra la trama di un film dell'orrore.

Fate come volete ma io, sul ponte insieme a Brad Smith e Bill Gates, non ci salirei.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft entra nella Linux Foundation

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Ruggero
diffidenza Leggi tutto
16-6-2005 13:29

MaX
non penso ci sia da preoccuparsi finche non nasce qualcosa di concreto per ora non cambia nulla no?ps. non idealizziamo troppo il software libero
10-5-2005 16:17

Angelo
Bugie e speranze... vane Leggi tutto
9-5-2005 11:00

La mia impressione... Leggi tutto
8-5-2005 19:15

asder
asder Leggi tutto
6-5-2005 16:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che rapporto hai con il backup? Con che frequenza lo fai?
Ogni giorno
Ogni settimana
Solo una volta al mese
Quando mi ricordo
Praticamente mai

Mostra i risultati (1819 voti)
Novembre 2020
Flash muore ma i giochini sopravviveranno nell'Internet Archive
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics