Terrorismo, la paura delle ombre contagia gli analisti

L'allarme per i voli di linea dovuto a un'errata analisi: sembrava che ci fossero messaggi nascosti nei titoli di Al Jazeera.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2005]

[Logo di Al Jazeera]

Ricordate l'ondata di voli annullati intorno a Natale 2003 a causa di "credibili fonti" che preannunciavano attacchi terroristici verso gli USA? Fu panico generale. Ora salta fuori che le fonti non erano affatto credibili.

Secondo un'indagine pubblicata dalla NBC, la "fonte credibile" era un'analisi "bizzarra, unica, non ortodossa e senza precedenti" degli esperti di cifratura della CIA, che pensavano di aver trovato numerosi messaggi segreti di Al Qaeda nascosti nel crawl (i titoli che scorrono in sovrimpressione, tipici di molti telegiornali) del canale Al Jazeera. Messaggi nascosti, a loro dire, tramite una tecnica ben conosciuta: la steganografia, ossia l'arte di nascondere un messaggio segreto all'interno di un messaggio dall'aria assolutamente innocua (per esempio, un segreto d'amore nel tag di un brano musicale in formato MP3), in modo che nessuno ne sospetti l'esistenza.

Gli espertissimi della CIA avrebbero trovato, sparsi qua e là nei titoli, dei numeri che indicavano attacchi imminenti: formavano date, numeri di voli e coordinate geografiche di bersagli fra i quali figuravano la Casa Bianca, lo Space Needle di Seattle e la cittadina di Tappahanock, in Virginia. L'allarme fu portato all'attenzione del presidente Bush.

Ora io non pretendo di essere un mago della crittanalisi, ma persino nella mia beata ignoranza di semplice studioso so che qualsiasi sequenza casuale di numeri può essere interpretata in modo da darle qualsiasi significato: basta che sia sufficientemente lunga e basta ignorare le parti che non corrispondono a ciò che riteniamo significativo.

Gli appassionati di misteri riconosceranno in questo fenomeno la spiegazione del cosiddetto "codice della Bibbia": la teoria secondo la quale è sufficiente prendere, per esempio, ogni terza lettera della Bibbia per trovare nella sequenza risultante i nomi di personaggi storici che non esistevano all'epoca della scrittura del testo sacro. Questo, secondo alcuni, proverebbe la natura soprannaturale della Bibbia. E' interessante notare che la medesima analisi, condotta per esempio sul Moby Dick, produce esattamente gli stessi risultati.

Il fatto che si trattasse soltanto di numeri e non di parole, e che fra i "bersagli" vi fossero posti assolutamente privi di significato politico-terroristico come Tappahanock, non ha fatto accendere nessuna lampadina. O meglio, non ne ha fatte accendere abbastanza. Tom Ridge, l'allora segretario per la sicurezza nazionale, dichiara anzi che "forse è proprio per questo che uno se ne preoccupa: perché non l'ha mai visto prima", anche se personalmente ammette di essersi chiesto "se era credibile o meno". Secondo la NBC, inoltre, non era il solo a dubitare.

C'erano anche altri fattori nell'allarme, ma puramente contestuali, dice Ridge: alcune segnalazioni di intelligence e un attacco terroristico in Arabia Saudita nello stesso periodo). Ma le perplessità furono comunque messe da parte e si diramò l'allerta generale, con tutti i disagi che ne conseguirono.

La steganografia e la decodifica dei suoi messaggi segreti, la steganalisi, sono branche rispettabilissime della scienza della comunicazione riservata, ma vanno gestite comprendendone i limiti. L'analisi steganografica genera inevitabilmente molti "falsi positivi", ossia trova "messaggi" dove non ce ne sono. Se non si tiene conto di questo fatto, si rischia di gridare "al lupo, al lupo" senza motivi fondati.

Con analisti di questo genere, chi ha bisogno dei terroristi? Bastano i danni e il panico seminati dai loro allarmi basati sul nulla e sull'incompetenza e stimolati dalla sindrome del "non si sa mai" cara alla propagazione di tante altre bufale.

Speriamo che dopo questa figuraccia si sia tutti un po' più cauti prima di vedere pericoli in ogni ombra che si muove e di annunciare che i terroristi comunicano nascondendo messaggi nelle immagini porno. Teoria molto adatta per far colpo sui giornalisti, ma finora basata sul nulla.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Approfondimenti
Secretbook, come nascondere messaggi nelle immagini di Facebook

Commenti all'articolo (2)

ma quanti sanno che al jazeera è di proprieta USA?^^
28-6-2005 21:28

Altrove
Proprio vero ... Leggi tutto
28-6-2005 15:54

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2550 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics