Il nuovo sogno, OS/2 open source

Una petizione per rilasciare l'amato sistema operativo sotto licenza free.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-07-2005]

Un possibile logo di openos2

La notizia che IBM cesserà il supporto per OS/2 non ha sorpreso nessuno. Però, da parte di chi l'ha usato, con macchine nemmeno paragonabili a quelle odierne, quanta nostalgia! E così, quatta quatta, si è fatta strada l'idea che Big Blue possa rilasciare alla comunità il codice sorgente del sistema operativo.

Sono nate, dunque, iniziative a sostegno di quest'idea, come la petizione a IBM di os2world, segnalataci da un lettore.

Questa richiesta non manca di suscitare perplessità: a chi può interessare, se non per motivi di mera curiosità, lo sviluppo di questo sistema? Cosa ha (o potrebbe avere) OS/2 che altri sistemi non hanno? Davvero è possibile che negli ultimi dieci anni, un software sostanzialmente abbandonato abbia sviluppato qualche caratteristica che non possiamo trovare nei concorrenti?

I ragazzi di os2world hanno comunque le idee chiare: "Se questo si realizzasse, potrebbero guadagnarci tutti: IBM, software houses indipendenti e utilizzatori. Siccome IBM sostiene Linux al 110%, siamo certi che si renda conto dei vantaggi dell'operazione."

Nessuno si nasconde le difficoltà: "Sappiamo che ci sono problemi a rilasciare OS/2 come opensource a causa dei rapporti con terze parti che detengono alcuni diritti," si legge nel sito. "Ciò che chiediamo a IBM è rilasciare i sorgenti possibili ed elencare i componenti che hanno bisogno di essere sostituiti da software opensource. Singoli sviluppatori o aziende potranno riempire i buchi scrivendo codice nuovo."

Chissà se il sogno potrà realizzarsi: i problemi sono grossi e non sembrano superabili da una ristretta comunità di sviluppatori. C'è un illustre precedente: la gigantesca operazione di "javectomia" del codice di Netscape, al momento del suo rilascio sotto licenza free.

Il codice era strettamente integrato a Java, che (allora) era un linguaggio proprietario. La ripulitura fu un lavorone, gestito internamente da Netscape Corporation, che era fortemente motivata al rilascio e sostenne di buon grado tutte le spese.

Oggi non ci sono quelle premesse. Big Blue ha già un sistema operativo open source (Linux) su cui ha puntato parecchio. E non sembrano esserci grossi margini di guadagno investendo, anche poco, sulla nascita di Open OS/2.

Ma il movimento FLOSS (Free/Libre/Open Source Software) ci ha abituato alle sorprese, per cui non escludiamo sviluppi. Intanto, chi vuole, può firmare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

prodotto di nicchia Leggi tutto
26-7-2005 20:25

aldo
salviamolo Leggi tutto
25-7-2005 09:38

gallows
distro? Leggi tutto
24-7-2005 01:50

La varietà non è un problema le distro nascono e muoiono, di solito gli aspetti più interessanti sopravvivono comunque, magari adottati da altri. Le questioni d'orgoglio per chi fa software non sono mai state un problema.Il problema grosso è ripulire il codice per evitare rogne legali...
24-7-2005 01:07

sarebbe bello ma... Leggi tutto
23-7-2005 22:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1698 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics