Stop alla pirateria Microsoft

Varato il Windows Genuine Advantage 1.0. Stavolta Microsoft fa sul serio?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-07-2005]

Segnale divieto pirati

Questa settimana ha ufficialmente avuto inizio il programma di Microsoft contro la pirateria, denominato Windows Genuine Advantage 1.0. Si tratta in sostanza di una tecnologia che richiede agli utenti di convalidare le loro copie di Windows prima di consentire il dowload dell'aggiornamento richiesto.

Il programma controllerà che chiunque acceda a Windows Update, Microsoft Update o Microsoft Download Center, abbia una regolare licenza di utilizzo del popolare sistema operativo. Gli aggiornamenti di sicurezza saranno comunque esclusi dall'interdizione.

Secondo i legali di Redmond, molti operatori hanno una copia di Windows illegale senza saperlo. Il Windows Genuine Advantage consente di risolvere questo problema in pochi minuti attraverso la convalida automatica.

Microsoft sta testando il programma sin dallo scorso settembre e ha già "validato" più di 48 milioni di sistemi, sostiene David Lazar direttore di "Genuine Windows". Ma fino a oggi le adesioni sono state volontarie. Da adesso, diventano il presupposto per gli aggiornamenti.

Sempre secondo Lazar, "chi scopre di avere una copia falsa di Windows può optare per una licenza gratuita, o acquistarne una regolare a un prezzo scontato". Esistono licenze libere Microsoft? No, si tratta solo di un premio a chi fa la spia.

Per ottenere la versione gratuita, il cliente deve riempire una "relazione di contraffazione" che indichi la fonte del software, fornire la prova di acquisto ed inviare il CD falso a Microsoft. Chi non riuscisse ad avere tutte questa informazioni, potrà usufruire, compilando la relazione di cui sopra, dell'acquisto a prezzi ribassati, vale a dire una copia di XP Home a 99 $ (contro i 199) o XP Professional a 149 $ (anzichè 299).

Microsoft ha definitivamente dichiarato guerra alla pirateria? A sentire le dichiarazioni ufficiali, parrebbe di sì: Bonnie MacNaughton, legale di Microsoft, ha stimato l'incidenza delle copie pirata in un terzo del totale, basandosi su uno studio della Business Software Alliance in collaborazione con l'istituto di ricerche IDC.

Non è la prima volta che Microsoft ha iniziative del genere: indubbiamente lo zio Bill ha usato la pirateria per imporre i propri prodotti come standard di fatto. Oggi, però, a monopolio acquisito, la presenza di tutti quegli scrocconi è vissuta a Redmond come un problema.

L'obiettivo è ora monetizzare degnamente la posizione dominante. Questi tentativi, va detto, hanno avuto luogo anche nel passato, ma solo oggi sembrano esserci i presupposti tecnologici (diffusione della banda larga, abitudine agli aggiornamenti online, sistemi sofisticati di validazione) per realizzarli appieno.

Resta da vedere come si comporterà il mondo della pirateria. Se le statistiche sono reali, si tratta di un numero enorme di persone e di aziende. Molte di loro aderiranno al programma, e miglioreranno il già roseo cash-flow di Microsoft, ma è probabile che la maggioranza cerchi soluzioni "alternative", come ci ha segnalato il lettore Daniele.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

Sergio
Io non sono svizzero Leggi tutto
18-8-2005 10:11

Carlo Valli
Io sono "svizzero" Leggi tutto
16-8-2005 18:57

ET
Chi è causa del suo mal... Leggi tutto
8-8-2005 15:55

Antonio
ennesima presa x i fondelli x gli utenti onesti Leggi tutto
4-8-2005 17:29

Simone
tanto si cracca tutto Leggi tutto
3-8-2005 16:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessitÓ.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte Ŕ bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3387 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics