Una tassa per i provider

Dopo le proposte della tassa sul tubo e sugli SMS, c'è chi vorrebbe tassare ulteriormente la diffusione di contenuti online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-10-2005]

Prima c'è stata la "tassa sul tubo", cioè una tassa che, nel contesto delle misure previste dalla legge Finanziaria, doveva gravare sulle reti telefoniche ed elettriche; poi era stata limitata alle reti elettriche e, infine, dopo le proteste delle grandi industrie elettriche che rischiavano di essere frenate nel necessario sviluppo di nuove reti di distribuzione, è stata abbandonata dal Governo.

Da qualche giorno si parla della tassa sugli SMS per finanziare l'acquisto dei libri di testo da parte delle famiglie meno agiate; adesso spunta l'ipotesi di una nuova tassa da imporre ai provider su tutto ciò che pubblicano in rete.

Si tratta di un emendamento presentato dal parlamentare dell'UDC Eufemi, una tassa che finirebbe comunque a carico del consumatore, che già paga IVA, SIAE, tasse sui supporti. Per non parlare di quella sui CD vergini, introdotta per coprire il buco creato dai tagli della stessa Finanziaria al Fondo Unitario per lo Spettacolo, che sostiene l'attività dei teatri lirici e di prosa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Tassa su Internet in Ungheria: 50 centesimi per Gbyte

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

{e.g.}
una tassaa per i provider Leggi tutto
1-11-2005 21:02

{Piero}
cotiledoni Leggi tutto
31-10-2005 15:26

{marco}
essendo ladri Leggi tutto
31-10-2005 13:20

{G.}
Apputamento ad aprile 2006 Leggi tutto
31-10-2005 12:31

{Ale}
perché non tassano l'aria che respiriamo? Leggi tutto
31-10-2005 11:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (709 voti)
Febbraio 2020
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics