L'hacker salverà l'economia? (parte quarta)

Costretti al precariato, milioni di hacker conquisteranno posizioni dominanti nell'economia degli uomini. Volenti o nolenti, ne salveranno il pianeta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-06-2006]

Pinguini

Leggi la terza parte dell'articolo: l'esempio del software libero (e della musica)

Parte quarta: economia ed ecologia degli hacker

Oggi, lo slogan che si sente dire in giro è "fatevi imprenditori di voi stessi", "aprite la partita Iva", come se lavoro flessibile significasse indipendenza. Lo scandalo dei contratti attuali è che spesso mascherano del tutto situazioni di dipendenza oggettiva, ma impegnano il lavoratore in termini di rischio e, spesso, anche di capitale.

Attraverso una meticolosa attività di formazione, le corporation mantengono l'assoluto controllo del processo produttivo, imponendo di fatto comportamenti e regole, anche alle ditte esterne, senza impegnare capitale o assumersi rischi. L'intento è quello di banalizzare l'unico fattore produttivo non fungibile, il lavoro, rendendolo standardizzato e ripetitivo.

Ma affidare lavori all'esterno si rivela un fattore di debolezza, per questi giganti. Un piccolo imprenditore, anche micro-imprenditore, un precario, insomma, che sviluppa una sua tecnologia ed è in grado di dialogare direttamente con il cliente, senza l'intermediazione della casa produttrice, è a tutti gli effetti un hacker.

Riuscire a replicare il meccanismo del software libero per i beni materiali, significherebbe la fine della corporation, e l'inizio di un capitalismo dal volto umano. Come nel modello di Smith, in questo schema la grande industria fornisce merce banale, al minimo prezzo.

L'artigiano è necessario per personalizzare ed elaborare il prodotto, e la sua trasformazione è l'unica merce con un valore degno di questo nome. Il lavoro umano costa, il lavoro delle macchine, fatto in scala industriale, e ammortizzabile con cifre irrisorie, non costa. O costa molto poco.

Sembra un ritorno alla teoria dei distretti industriali, in cui una miriade di piccole aziende, come quelle del nord est italiano, hanno creato un sistema competitivo con le corporation straniere. Possono essere considerate hacker ante litteram? "Temo di no," sostiene Andrea Di Stefano, direttore della rivista Valori, "non bastano le piccole dimensioni per essere realmente "disruptive", come dovrebbero essere gli hacker"-

"Più che alle tre C degli hacker," prosegue Di Stefano, "la cultura dei distretti industriali si è affidata alla C di "contoterzismo": produrre a minor costo, per conto delle multinazionali, senza rispettare le regole. Questa è stata la rivoluzione del nostro Nordest. E per questo non ha retto alla globalizzazione".

In effetti, questo sistema non ha rispettato il requisito fondamentale dell'hacking, la condivisione. Ma non è stato il solo problema. Il contributo di queste micro-aziende è stato sostanzialmente sfruttare le sacche di inefficienza delle multinazionali ed eludere i controlli fiscali e di tutela dei lavoratori. Il tutto, solo per produrre beni intermedi, cioè destinati alle stesse multinazionali che, a parole, si diceva di combattere.

Essere hacker significa qualcosa in più. Non delinquenti, ma sicuramente elemento di rottura, mantenendo saldo il controllo sulle tre C, e sfruttando il proprio vantaggio competitivo rivolgendosi all'utente finale, senza limitarsi alla produzione organizzata di beni intermedi.

La richiesta di tecnologie libere, di macchine semplici, sarà sempre maggiore, in un mondo sempre più ostaggio delle multinazionali, che vanno imponendo prodotti via via più costosi, inquinanti e meno durevoli. Questo è il valore ecologista dell'hacker.

L'hacker in sé non nasce ambientalista, in genere non vi ha niente a che fare. Ma è la stortura provocata dal modello economico della crescita obbligatoria a trasformarlo nel più formidabile protettore dell'ambiente. La produzione hacker artigianale privilegia invariabilmente la semplicità sulla complessità, la robustezza sulle prestazioni, la riparazione sulla sostituzione.

In una società-hacker, non è possibile che sostituire un oggetto costi meno che ripararlo o ricaricarlo. Questa è una conseguenza di una volontà deliberata, non dell'evoluzione tecnologica. Un'economia decentrata, locale, in cui l'acquisto di macchine dall'esterno è ridotta al minimo, in cui la riparazione, l'adattamento, l'uso anticonvenzionale delle macchine la fanno da padrone (una società-hacker) è ecologicamente sostenibile.

Non è facile: occorre grande competenza per la gestione e la personalizzazione delle macchine. E occorrono leggi che favoriscano questa impostazione.

Leggi la quinta parte dell'articolo: la politica e la Cina

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Era morbide in italiano. Volevo dire qualcosa tipo ammaliante (tipo sirene di Ulisse), avvolgente, soffice, etc. Adesso che rileggo il passaggio, lo trovo anch'io poco chiaro. E per colpa tua non posso nemmeno cambiarlo alla chetichella (renderebbe inutile questo thread). :wink: Leggi tutto
6-6-2006 21:43

{Vedasharmă}
Ancora dubbi... Leggi tutto
6-6-2006 15:02

I redattori di Zeus News conoscono il significato di morbid in inglese
6-6-2006 14:32

{Vedasharmă}
Chiarimenti su in aggettivo Leggi tutto
6-6-2006 13:29

{pilo}
...un modello di vita Leggi tutto
23-5-2006 10:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2790 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 settembre


web metrics