Lo Smau dei ministri è troppo fumoso

La triade dei ministri che hanno inaugurato questa edizione dello Smau è stata troppo poco concreta sui temi dello sviluppo digitale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2006]

L'unica a essere un po' più concreta è stata la ministra Linda Lanzillotta (ma le donne lo sono di più): ha garantito l'arrivo della carta d'identità elettronica per il prossimo gennaio a meno di venti euro. Per il resto (cioè quello che si attende la gente comune che vive in zone non coperte dall'Adsl e non sa quando gli arriverà) è stato detto poco di concreto dagli altri due ministri presenti, Gentiloni e Nicolais, all'inaugurazione del'edizione 2006 dello Smau, per la prima volta fortemente riservato solo agli addetti del settore e non al grande pubblico dei curiosi.

Per Gentiloni saremmo a buon punto per la legalizzazione del Wi-Max in Italia, finora fortemente ostacolato dai gestori mobili vecchi e nuovi, perché gli operatori e il Ministero si parlano, ma su un tema così maturo e su cui il dibattito è aperto da anni il neoministro non è stato in grado di dire niente di più né sui tempi né sui modi della regolamentazione.

Neanche il ministro Nicolais, che ha preso il posto di Stanca per la delega all'innovazione, è stato molto più preciso: ci vuole un "piano regolatore per la banda larga" mettendo in contatto imprese ed enti pubblici, ma quando, come e, soprattutto, con quali fondi non si sa.

La Finanziaria in discussione non premia particolarmente l'innovazione e mette a disposizione dello sviluppo della banda larga nel Mezzogiorno solo qualche decina di milioni di euro, mentre un grande Comune come Milano per bocca del suo nuovo sindaco Letizia Moratti dichiara che la banda larga non è strategica e vende ai privati stranieri la cablatura della città ma il ministro Nicolais, in nome del buon rapporto esistente tra Prodi e Moratti, glissa elegantemente sull'argomento.

Per dire poco e nulla, il tris di ministri avrebbe potuto stare a casa e risparmiare i soldi per la trasferta milanese.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

...e non solo lui Leggi tutto
5-10-2006 17:07

povero smau... Ŕ finito! Leggi tutto
5-10-2006 15:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1445 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics