Il farmaco open contro la malaria

La preziosa collaborazione tra un laboratorio "Big Pharma" e una ONG produce un farmaco a basso costo contro la pericolosa parassitosi. Ovviamente, fuori dalla logica dei brevetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-03-2007]

Zanzara anofele

Un trattamento efficace, poco costoso e finalmente libero da brevetti è stato messo a punto da una collaborazione tra il laboratorio farmaceutico Sanofi-Aventis e la fondazione DNDi (Drugs for Neglected Diseases Initiative).

Si tratta dell'associazione di due farmaci già noti, Artesunate (AS) e Amodiaquine (AQ), e da essi ha preso il nome ASAQ. Sarà proposto a prezzo politico a strutture pubbliche, enti internazionali e a ONG: una terapia costerà meno di 1 dollaro per gli adulti e mezzo per i bambini.

Il farmaco, che per i consumatori al banco si chiamerà Coarsucam, potrebbe rappresentare una svolta per la cura di questa malattia, per questo sarà cura dei promotori renderlo disponibile già nel corso dell'anno, autorizzazioni ministeriali permettendo. Il sito di produzione sarà in Marocco.

La malaria è una parassitosi trasmessa attraverso le zanzare Anopheles. È una malattia febbrile acuta, da tempo debellata dalle nostre parti, ma che uccide ogni anno più di un milione di persone nel mondo, il 90% delle quali nell'Africa sub-sahariana.

In Africa, è la prima causa di mortalità per bimbi al di sotto dei cinque anni, con la media impressionante di uno ogni 30 secondi. Le medicine classiche sono sempre meno efficaci.

Interessante è la natura del sodalizio che ha dato origine al farmaco: DNDi è una fondazione, senza scopo di lucro, creata in 2003 da Médecins sans frontières. Sanofi-Aventis, invece, è il numero quattro mondiale dell'industria farmaceutica.

Segno che Big Pharma, l'impero del male, non sempre disdegna le iniziative dal basso, finalizzate non al solo profitto.

È uno schema già visto nell'informatica, dove il free software riceve spesso consistenti donazioni di prezioso codice e supporto tecnico da grandi aziende industriali, che senza l'apporto della comunità non riuscirebbero a sostenere i costi dello sviluppo, o la concorrenza dei caimani.

Come si vede, per progredire in queste ricerche occorre estirpare completamente la logica del brevetto: solo un pazzo potrebbe avventurarsi in quella giungla per svolgere delle ricerche, sapendo che da un momento all'altro potrebbe essere mangiato vivo da un'orda di avvocati feroci.

Con buona pace di quelli che sostengono che i brevetti sono un incentivo all'innovazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! » molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona cosž
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
» una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (2011 voti)
Luglio 2021
Rinunciare allo smartphone
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 luglio


web metrics