Rifondazione: per Telecom si usi la Golden share

Sergio Bellucci, responsabile delle telecomunicazioni di Rifondazione Comunista, sostiene che vada usata la Golden Share per fermare AT&T.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2007]

Ancora una volta sembra esserci maretta nel governo Prodi tra le forze della coalizione, questa volta sul caso del giorno: la decisione di Tronchetti Provera di vendere la sua quota di controllo di Telecom Italia agli americani di AT&T. Ne parliamo con Sergio Bellucci, responsabile delle politiche delle Tlc e dell'innovazione tecnologica del Partito di Rifondazione Comunista.

ZN: Il portavoce di Prodi Sircana, in riferimento alle decisioni di Tronchetti, ha detto che "le decisioni dei Cda sono sempre sacre e indiscutibili" mentre Fausto Bertinotti, presidente della Camera ha detto che in questa vicenda è in gioco l'interesse nazionale. E' scontro tra Prodi e Prc su Telecom Italia?

Bellucci: "E' evidente che ci sono diverse interpretazioni: c'è chi crede che la somma degli interessi degli azionisti privati coincida con l'interesse del Paese e chi ritiene che ci sia un interesse generale e collettivo anche diverso da quello degli azionisti da tutelare. Bisogna considerare che, dopo il caso Rovati che ha scottato il Governo, Sircana (e quindi Prodi) non voglia entrare nelle questioni Telecom Italia. Ma si sbaglia: il Governo deve essere presente e influente.

ZN: Come si dovrebbe muovere sul caso Telecom il governo Prodi?

Bellucci: "Innanzitutto dovrebbe essere investito il Parlamento, perché in gioco non è solo e tanto la questione dell'assetto proprietario ma un'idea di politica industriale nelle telecomunicazioni che, finora, è mancata. In gioco sono i valori della democrazia e le questioni dello sviluppo italiano che il Parlamento deve affrontare".

ZN: E quindi cosa si può fare?

Bellucci: "Questo è il caso in cui si deve usare la Golden Share" (il diritto di veto in caso di passaggio di proprietà, soprattutto verso investitori esteri, previsto dalla legge sulle privatizzazioni - n.d.r.) "Visco al contrario afferma che non è questo il caso in cui si può applicare; a lui vorrei chiedere quando sia allora il caso, se non in questo frangente".

ZN: I sindacati, in particolare la Cgil, lamentano il fatto che ancora il governo Prodi non li abbia convocati per discutere del caso Telecom.

Bellucci: "Non vuole essere la mia una critica al sindacato ma credo che, in questo momento, più che discutere nelle stanze di Palazzo Chigi il sindacato di categoria dovrebbe promuovere una forte mobilitazione dei lavoratori, sull'esempio di quella che promossero i sindacati dei metalmeccanici e la Fiom per il caso Fiat, per chiedere un rilancio dell'azienda e non la sua svendita".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

Rilanciare la FIAT? Magari con le sovvenzioni date dagli italiani, come Ŕ avvenuto in questi anni? Potremmo proporlo anche per Telecom..mantenere gli incapaci per 20 anni come abbiamo fatto con la FIAT che minacciava la cassa integrazione e il licenziamento..ed ora spende per la Juve!!! Per cortesia.... :twisted:
4-4-2007 11:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1871 voti)
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Pirateria, la soluzione è sospendere Telegram
Tutti gli Arretrati


web metrics