Stappiamoci le orecchie, arriva Jamendo

Finalmente disponibile musica a gogò, pubblicata sotto licenza Creative Commons.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-04-2007]

sound

Sembra quasi impossibile che persino in Italia -uno dei paesi più scalcinati della Comunità per quanto riguarda l'informatizzazione- ci sia una ventata di novità nell'ambito di uno dei punti più controversi dell'economia.

Che il Drm sia una palla al piede di molte aziende, per lo meno tra quelle più attive e aperte ai cambiamenti, lo confermano tutti i responsabili commerciali; magari a mezza bocca, perché anche in quest'ambito continua a dettar legge una classe dirigente di vecchio stampo, arroccata pervicacemente sulle posizioni acquisite ed è pericoloso oltreché antieconomico esporsi alle azioni, commerciali e non, di rappresaglia.

Ma piano piano le cose stanno cambiando. Non alla velocità che vorremmo, ma cambiano. Ne è una prova Jamendo, all'insegna di "promuovi, diffondi e guadagna con la tua musica".

Inserito in uno spazio lasciato libero da Vitaminic, di cui ricalca in parte la filosofia di base, Jamendo è un sito da cui è possibile scaricare in modo completamente gratuito e legale ma soprattutto illimitato la produzione messa a disposizione da artisti -sconosciuti e non- che vogliono diffondere il loro genere musicale ed esporre in piazza il loro talento, riconosciuto o ancora da scoprire.

In pratica non c'è genere musicale che non sia rappresentato. Gli utenti, oltre a condividere i loro brani o interi album, possono recensire le altrui produzioni o aprire una discussione nell'apposito spazio a disposizione sul sito e, volendo, esprimere un giudizio nel merito. Per scaricare viene indicato Torrent, una volta tanto impiegato legittimamente per download su vasta scala.

Altra possibilità offerta ai visitatori è quella di premiare, non simbolicamente ma donando moneta sonante (si fa per dire) per mezzo della rete Paypal, il che aumenta ovviamente l'incentivo a partecipare, anche attivamente, alla riuscita del sito. Il gestore tratterrà una piccola percentuale sulle donazioni per fronteggiare le spese amministrative e di gestione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{don Tommaso}
ne scrivevo l'anno scorso una ripicca sul giornale che leggo di più me la posso prendere? ciao e grazie Leggi tutto
21-4-2007 20:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2063 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 dicembre


web metrics