Assolto Paolini, l'hacker della Tv

Il giudice assolve il disturbatore professionista Gabriele Paolini: sarebbe anche lui un hacker ed eserciterebbe un proprio "diritto creativo di controinformazione".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-05-2007]

gabriele paolini

Chi non conosce Gabriele Paolini? E' il "Cavallo Pazzo" della Tv italiana, sempre dietro qualunque trasmissione in diretta, dallo sbarco dei clandestini ai funerali, fino ai congressi di partito, con in mano un condom e un cartello pro-profilattici. Chi non ricorda la memorabile scena in cui il compianto Frajese lo prende a calci nel sedere perché gli era venuto dietro?

Paolini, ultraquerelato dalla Rai, questa volta ha trovato un magistrato che lo ha assolto, giudicandolo un "hacker della Tv", cioè qualcuno che, come si fa in Internet, esercita un suo diritto creativo di controinformazione, lecito all'interno della Tv pubblica.

Questo giudice non poteva essere che Gennaro Francione, anche scrittore e drammaturgo, che si è già distinto in passato per aver assolto dei giovani accusati di violazione del copyright in nome di un diritto sociale costituzionalmente garantito di diffusione della cultura, anche attraverso il peer to peer.

Il giudice Francione sottolinea nella sentenza che "il giornalista televisivo operante in strada deve accettare le intrusioni alla Paolini perché sono esse stesse cronaca in diretta di quanto avviene tra la gente, che spesso anzi utilizza quelle dirette per dire la propria nel bene (esultanze in occasione di gare sportive ad esempio) e nel male (con striscioni, grida, slogan per contestare un avvenimento direttamente o indirettamente connesso a quanto nel resoconto del cronista vien detto)".

Nella sentenza, in cui ci sono richiami alle incursioni di Paolini, ma anche ai giullari medievali, ai futuristi, ai situazionisti, ad Andy Warhol, a Guy Debord, si ricordano anche i moniti ai media televisivi rivolti dalla Commissione di vigilanza servizi radiotelevisivi la quale, nel "Documento di indirizzo sul pluralismo" (1997), evidenzia "la necessità di garantire ai cittadini un'informazione non solo passiva a 360 gradi, ma anche attiva contribuendo direttamente alla creazione dei palinsesti televisivi". Ciò è tanto più vero per la Rai che è televisione del popolo il quale paga un canone e ha un "diritto reale di accesso che si esprime soprattutto come diritto a non essere esclusi dall'informazione attiva".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 46)

{Paolo Manfrin}
appaolini Leggi tutto
29-5-2007 13:59

{Cimmerius}
Basta non far niente per avere successo ! Leggi tutto
28-5-2007 09:54

La notizia e' di questi giorni Leggi tutto
28-5-2007 00:16

visioni diverse... Leggi tutto
27-5-2007 09:11

ma chi, e perch, ha riesumato questa notizia e questa discussione del 2005?
27-5-2007 04:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1851 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics