Hillary Clinton parla su YouTube

L'ex first lady si rivolge agli elettori più giovani, chiedendo di scegliere il motivo conduttore della sua campagna elettorale per i democratici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-05-2007]

hillary

Indire una sorta di referendum telematico per scegliere la canzone di riferimento di una campagna elettorale potrà sembrare una delle tante strane "americanate", ma per la verità alcune hanno poi preso piede anche a casa nostra, complice il progressivo e inarrestabile asservimento culturale nonché a usi e costumi d'oltre oceano.

Tuttavia la mossa non manca di finezza psicologica, perché in luogo di imporre la propria presenza a meeting, videoconferenze, dibattiti, comparsate in radio TV, in qualche modo unicamente seguite dai sostenitori ed evitate o solo subìte da tutti gli altri, Hillary e il suo staff hanno realizzato che l'illusione di essere o sentirsi in qualche modo co-protagonisti sicuramente solleticherà anche gli elettori dell'altra fazione politica, non foss'altro che per lasciare direttamente o indirettamente insulti e sberleffi.

In ogni caso, il risultato di far sentire la propria presenza anche agli "altri" sicuramente sarà pienamente raggiunto. Indirettamente lo ha confermato la stessa Hillary, che rivolgendosi ai naviganti ha dichiarato in tono serio: "Vorrei sapere cosa pensate di una delle più importanti questioni di questa campagna elettorale", aggiungendo che si trattava di una questione estremamente dibattuta negli ultimi mesi. "Ecco perché mi rivolgo a te, popolo americano" ha concluso poi l'ex first lady.

Il video è andato sul sito di You Tube una decina di giorni fa e avrebbe provocato oltre mezzo milione di visite; i titoli delle canzoni proposte spaziano da You and I di Céline Dion a The Best di Tina Turner, passando comunque anche da Beautiful Day, I'm a Believer e tanti altri; le preferenze espresse ammonterebbero già a circa 140.000 e secondo i responsabili del sito nei prossimi giorni dovrebbe essere comunicato il risultato finale.

A prescindere dalla ormai assodata pervasività dell'Internet e dell'importanza che sta assumendo per una miliardata di persone nella vita di tutti i giorni, se vogliamo zoomare sull'orticello di casa nostra la cosa -se prendesse piede- si presenta con le connotazioni di un fantahorror in piena regola.

E' facile immaginare una ventina di sondaggi in contemporanea, quindici dirette televisive giornaliere su altrettante reti nazionali e non, con i tempi non dei passaggi ma delle canzonette centellinate e pedissequamente assoggettate alla spietatezza della "par condicio". E per finire, a sera tutti da Vespa a discettare su Apicella o, poniamo, la Vanoni.

Terribile. Anche perché tra l'allusiva calvizie dell'uno e la rosseggiante e altrettanto allusiva chioma dell'altra, la scelta alla lunga sarebbe improponibile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1815 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics