Arriva la GPL 3 ed è guerra dentro il software libero

Esce la terza versione della licenza che ha cambiato il mondo. Alcune comunità esultano, Linux nicchia, Microsoft prepara le contromisure.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-07-2007]

Simboli free incattiviti

Dopo quattro bozze (e un anno e mezzo di polemiche, mani avanti, prese di distanza) la terza versione della licenza GPL (General Public License), il fondamento del software libero, è stata rilasciata.

Al centro della licenza ci sono sempre le quattro libertà fondamentali del software libero, ma anche qualcosa in più.

Fin dalle prime bozze rilasciate, infatti, si è capito che Stallman e Moglen volevano colpire comportamenti come quello della TiVo, la popolare marca di video registratori digitali che ha adottato contemporaneamente software libero e DRM, cioè restrizioni alla fruizione.

Con questa licenza, non sarà possibile in alcun modo blindare i dispositivi per impedire loro l'esecuzione di alcune operazioni (tipicamente la fruizione di file multimediali protetti da copyright).

Subito sono fioccate le reazioni da parte dei protagonisti del software libero: il Samba Group, una delle comunità di sviluppo più toste ideologicamente, è entusiasta. "Sentiamo che questo è un cambiamento importante per l'intero movimento del free software," dichiarano i responsabili del progetto che rende interoperabili, in una stessa rete, macchine Windows e Linux.

Al previsto entusiasmo di Samba si contrappone l'altrettanto previsto scetticismo dei kerneliani, la tribù che sviluppa Linux. "Tecnicamente, la GPL 3 chiede cose inaccettabili" sostiene il coordinatore Linus Torvalds. "Io personalmente ho installato Linux sui Pc dei miei figli, e limito la possibilità di modificarlo".

Secondo Torvalds, la nuova GPL affronta temi non più solo legali, sconfinando nel campo delle scelte morali personali. E questo può rappresentare un pericolo per il software libero.

Prevista era anche l'ostilità di Microsoft, che però ha ragioni profondamente diverse, che risiedono nella clausola-trappola che impone ai distributori di software GPL 3 di rinunciare alle royalty derivanti dai brevetti utilizzati nel codice distribuito.

Casualmente, questa è l'attuale posizione di Redmond, che distribuisce software libero di Novell, e che si fa pagare, dalla stessa Novell, un obolo per i brevetti. Un'eventuale presenza nel pacchetto Suse di applicativi licenziati GPL 3 potrebbe mettere zio Bill in difficoltà.

Per questo gli uffici legali Microsoft sono in fibrillazione e lavorano su arzigogolate forme di fornitura che non prevedano la qualifica di distributore.

Magari non sarà guerra, ma la terza versione della licenza GPL promette di evidenziare le divergenze esistenti nel variegato mondo del software libero.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

GPL 3 e le possibili guerre Leggi tutto
12-7-2007 16:08

Già solo il numero delle bozze spiega meglio di ogni parola le difficoltà del travaglio e del parto; comunque, anche se par di capire che si sia voluto venire incontro a esigenze diverse, sembra evitato un cerchiobottismo all'italiana che accontenti gli interessi un po' di tutti. Proprio per questo, una guerra non ancora dichiarata che... Leggi tutto
12-7-2007 11:10

GPL 3 Leggi tutto
12-7-2007 09:11

si è trattato comunque di un parto lungo e travagliato. e la vera "guerra" inizia ora...
12-7-2007 01:09

{pil}
niente guerra, qualche polemica al massimo Leggi tutto
12-7-2007 01:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (964 voti)
Luglio 2020
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
Tutti gli Arretrati


web metrics