Internet Explorer è la più importante tecnologia informatica

CompTIA, associazione non del tutto indipendente, stila una classifica delle realizzazioni più significative: Zio Bill fa una quaterna secca.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-08-2007]

La Computing Technology Industry Association è una organizzazione di fabbricanti e distributori di prodotti informatici, accessi e servizi Internet, operatori TLC e di e-commerce oltre, naturalmente, editori di programmi per computer che ha realizzato un'inchiesta tre i professionisti del ramo, presentando un questionario nel quale elencare una o più tecnologie che ritenevano più importante nell'IT.

Delle oltre 400 aziende coinvolte, ben il 68% hanno votato per il browser Internet Explorer che si è classificato al primo posto, mentre Word si attesta la secondo col 56% delle preferenze; Windows 95 ha raggiunto la metà dei consensi mentre al quarto posto si sono piazzati ex aequo MS Excel e l'iPod di Apple con circa il 49% dei voti.

A una certa distanza seguono il BlackBerry di Rim, Adobe Photoshop, l'antivirus di McAfee e, sorprendentemente con un 31% delle segnalazioni, il sempreverde Netscape.

"Lanciato nel 1995", spiegano alla CompTIA, "Explorer si è ritagliato la maggior fetta del mercato", che detiene tuttora, anche se in Europa Firefox sta guadagnando terreno attestandosi quasi al 28% degli utilizzi a fronte del 66,6% del browser di Microsoft".

Sembra tuttavia un ragionamento assai debole a difesa di una scelta che sa tanto di deferente omaggio alla Real Casa. Infatti tecnologia e prodotto tecnologico non sono certo sinonimi; e non c'è dubbio che la maggioranza dei voti siano andati a realizzazioni software o magari anche hardware confondendo volutamente il contenuto ed il contenitore.

Potrebbe tuttavia trattarsi anche di una mano tesa al gigante di Redmond, che lo vede impegnata in giudizio contro Eolas Technologies, in una battaglia legale senza esclusione di colpi sin dal 1999, davanti al tribunale d'appello di Chicago per una questione di brevetti violati.

Una volta tanto l'autore della violazione sarebbe Microsoft e nell'altalenarsi dei giudizi finora verificatesi, la nuova patacca appuntata al bavero degli eredi di Zio Bill potrebbe far pendere il piatto della bilancia, a difesa dell'immagine di una nazione che lavora e produce ricchezza e dove la violazione di qualche brevetto può ben cedere il passo a chi per primo giunge a realizzare l'intuizione (protetta?) di un altro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Ciao ragazzi Sono rimasto sconvolto dall'articolo e secondo me è firefox la più importante tecnologia informatica
16-11-2008 19:35

avranno scelto IE perchè non anno mai provato altro...
3-8-2007 11:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1256 voti)
Ottobre 2020
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Tutti gli Arretrati


web metrics