Licenziare chi parla male dell'azienda

La Corte di Cassazione conferma la legittimità del licenziamento di chi discredita la propria azienda. Blogger chiacchierini all'erta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-09-2007]

senti questa

Parlar male dei colleghi, o della propria azienda, magari mostrando i cosiddetti "panni sporchi" che sarebbe meglio lavare in casa, può costare caro: si rischia infatti il licenziamento.

A confermarlo è la corte suprema, che ha accolto il ricorso di un'azienda sanitaria che aveva licenziato una infermiera perché "aveva proferito espressioni offensive sulla capacità e sulla professionalità del personale, e in particolare nei confronti della caposala del reparto di sterilizzazione e nei confronti della caposala del day hospital".

La donna poi aveva presentato ricorso, vincendolo, ed era stata reintegrata nel posto di lavoro. Anche l'appello aveva confermato questa linea. Successivamente l'azienda sanitaria ha fatto ricorso in Cassazione e si è arrivati alla sentenza di questi giorni.

La notizia (ammesso che di "novità" si possa davvero parlare) dovrebbe interessare soprattutto chi ha un blog ed è solito "sparlare" della propria azienda, raccontando episodi o pratiche aziendali che potrebbero screditare il proprio datore di lavoro.

In Italia non ricordiamo casi di questo genere, ma nel mondo sono numerosi i casi di blogger licenziati per aver rivelato segreti inconfessabili o messo in cattiva luce la propria azienda.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Meoli (ZEUS)

Approfondimenti
Licenziata da Autogrill per le critiche su Facebook
Cassazione: Legittimo il licenziamento per un post su Facebook
Licenziato per aver detto la verità
Licenziata per un post su Facebook sul cibo della mensa scolastica
Espulso dal sindacato per un'email critica sugli stipendi d'oro
Facebook e dipendenti pubblici, è lecito criticare?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Se si dice la verità non vedo xkè si debba essere licenziati...
19-9-2007 11:29

Concordo con quanto dici. Pero' in Italia anche se dici la verità e diffami qualcuno... puoi essere condannato per diffamazione. Assurdo no?
19-9-2007 07:30

Dipende dal contesto. Leggi tutto
18-9-2007 21:42

{PERRY MASON}
SI SALVI CHI PUO' Leggi tutto
18-9-2007 19:07

...se ho ben capito,la liberta' di pensiero e di parola e' andata a quel paese...che bella democrazia... :cry:
18-9-2007 13:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1498 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 settembre


web metrics