Pubblicità comportamentale, ultima frontiera

Google e Yahoo! affinano le risorse ricorrendo perfino all'analisi transazionale per vendere sempre di più e meglio spalmando l'offerta pubblicitaria sui dati personali del singolo visitatore del web; ma non è detto che sia così vantaggioso come ci vorrebbero far credere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-10-2007]

bernie

Del gigante di Moutain View già si sono dette le intenzioni, ma ora si è passati ai fatti assai più velocemente di quanto non fosse nelle previsioni degli analisti; difatti da inizio settimana hanno preso il via i test sulla "pubblicità interattiva" così viene chiamato il nuovo sistema che permette di sviscerare la risposta degli internauti alla pubblicità proposta dalle pagine web.

Mediante Google Gadget Ads -una tecnologia che consente una sorta di zapping televisivo all'interno della pagina- gli inserzionisti potranno verificare se e cosa prediligono i visitatori, cosa ha attratto la loro attenzione, quante volte e quanto a lungo hanno guardato, se hanno utilizzato funzionalità speciali accelerando o rallentando la visione e per quanto tempo.

Ovvii corollari saranno la possibilità di pagare con le carte speciali di Checkout o Paypal e la prossima integrazione nelle videate di YouTube o le cartine di Google Maps; tra i primi a testare il sistema saranno alcuni big dell'industria americana, da PepsiCo a Paramount Vantage, da Honda a Intel e altri ancora.

Andrew Frank, l'analista di Gartner specialista di pubblicità online, tempo addietro si era sbilanciato nell'affermare che mediante questo tipo di risorsa Google avrebbe sbaragliato qualsiasi avversario in campo; ma le cose forse non andranno proprio così.

Yahoo! infatti oltre a clonare la tecnologia del rivale con un nuovo algoritmo di pertinenza ha messo in opera un marchingegno ancora più sofisticato, che dall'inizio del mese prossimo prenderà di mira i comportamenti dei navigatori.

Saranno collegate e valutate non solo le richieste percentuali ma anche i rapporti tra esse e la personalità dei visitatori quale emerge sia dai cookie installati sul PC dell'utente sia da ogni altra informazione di cui sia in possesso - direttamente o indirettamente - il motore di ricerca .

Insomma una sorta di "fotografia transazionale del consumatore" che si rivelerà vincente, se è vero che dai test sin qui condotti gli incrementi di visualizzazione in termini di permanenza sulla pagina sono aumentati di oltre 3 volte rispetto alle medesime pagine proposte secondo un criterio puramente demografico.

Mirando a una riforma sostanziale del "media planning" in casa Yahoo! per altro si pensa anche a un sostanzioso allargamento della piattaforma operativa; in questa ottica è recente l'acquisizione per trecento milioni di dollari di BlueLithium, azienda specializzata nel marketing a obiettivo.

Anche Microsoft, rimasta un po' indietro in questo campo, si agita su un letto di spine annunciando una versione riveduta e corretta del suo motore di ricerca Live Search e l'inserimento di pubblicità nei videogiochi.

Ma la misura vera dell'affanno della real casa la può dare il valore da quest'ultima attribuito alla quota del 5% di Facebook, oggetto di contesa con Google e stimata circa 10 volte di più rispetto alla quotazione delle azioni in borsa.

Può essere che tutto questo fermento accresca le informazioni a disposizione su internet, ma non favorirà certo i consumatori, costretti delle leggi di mercato a rifondere, ognuno pro quota, le spese pubblicitarie degli inserzionisti e dei motori di ricerca; comincia a valere la pena di considerare attentamente le offerte del mercatino rionale, riservando gli acquisti di una certa importanza al sabato fuoriporta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2647 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics