L'Europa vuole i dati di tutti i passeggeri

Il Vicepresidente Franco Frattini propone di raccogliere i dati sensibili di tutti i passeggeri che entrano e escono in aereo dall'Europa, al fine di combattere il terrorismo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2007]

Foto

Secondo il Washington Post una proposta al vaglio della Commissione Europea potrebbe presto portare a una raccolta di dati senza precedenti che coinvolgerà quanti si sposteranno via aereo dentro il e fuori dal Vecchio Continente.

La proposta viene da Franco Frattini, Vicepresidente della Commissione Europea con delega a Giustizia, Libertà e Sicurezza. Si tratta in sostanza di raccogliere i dati di ogni passeggero, metterli a disposizione degli Stati membri dell'Unione e analizzarli per assegnare una "valutazione di rischio" per ogni persona: il tutto con il proposito di combattere il terrorismo.

Per essere valida in tutta Europa, ognuno dei 27 Stati membri dovrà approvare la proposta. A quel punto ogni singolo Stato provvederà a proteggere i dati raccolti secondo i propri sistemi.

"L'Unione è un potenziale obiettivo di attacchi terroristici almeno quanto gli Stati Uniti, e l'uso e l'analisi dei Passenger Name Records è un importante strumento per proteggere i nostri cittadini".

Con la definizione Passenger Name Records si intende una serie di dati sensibili registrati su ogni passeggero; si tratta di una pratica già in uso per coloro che entrano o escono dagli Stati Uniti. Simili legislazioni esistono per il Canada e l'Australia.

I dati raccolti, secondo la proposta, saranno 19 in tutto e andranno dai nomi, ai numeri telefonici, agli indirizzi e-mail e informazioni sulla carta di credito fino all'itinerario e ai nomi dei passeggeri accompagnatori. La conservazione di tutto questo materiale dovrebbe non essere inferiore ai 13 anni, periodo che potrebbe estendersi per quei dati usati in indagini criminali o operazioni di intelligence.

Non verrebbero invece posti in condivisione dati riguardanti razza, etnia, opinioni politiche o religiose, preferenze sessuali e salute.

Le reazioni sono contrastanti. Al Dipartimento per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti sono favorevoli: "Sarebbe giusto che gli Europei chiedessero a noi le stesse informazioni che noi chiediamo a loro", dice Laura Keehner in riferimento alle leggi già vigenti per chi voglia entrare negli Usa.

Alcuni parlamentari europei, invece, non sono affatto d'accordo. L'olandese Sophie in't Veld, per esempio, teme che la proposta di Frattini "minerebbe la credibilità" della Ue, dal momento che "non abbiamo ancora prove sufficienti sull'effettiva utilità di questi dati nella lotta contro i terroristi".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

E' la stessa cosa -ad esempio- delle "squadre miste" polizia/esercito. Si notano (la divisa diversa!) , ha fatto notizia, ecc. ecc. Ma davanti alal stazioen Centrale di Milano prima c'era una pattuglia della Polizia di Stato, ora sempre una pattuglia c', anche se "mista" Leggi tutto
20-1-2009 17:58

{Pippo}
Dittatura globale Leggi tutto
20-1-2009 17:27

i pc spenti trasmettono dei dati? ma ti rendi conto del fatto che ti stai lasciando veramente prendere un po' la mano? Leggi tutto
20-1-2009 02:10

{pippo}
Dittatura globale Leggi tutto
20-1-2009 01:35

{emmeesse}
rimuovere Frattini Leggi tutto
7-11-2007 11:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (957 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics