Un tag molto Smart, quasi Sharp

Smart Tag è la nuova soluzione Microsoft per la gestione dei link nelle pagine Web fatta direttamente dal browser... o meglio, avrebbe dovuto esserlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-06-2001]

Un tag molto Smart quasi Sharp Fin dal suo annuncio Internet Explorer 6 è sempre stato presentato come un programma fortemente integrato con Internet e con le logiche della rete. Microsoft in tal senso aveva sempre lavorato molto intensamente, anche in funzone delle sue strategie legate al progetto .Net e Microsoft Passport. Il risultato di tutti questi sforzi ha prodotto un'innovativa idea e soluzione per l'integrazione dei link direttamente all'interno delle funzionalità del browser web.

Per spiegarci meglio, stiamo parlando del sistema definito Smart Tag che, secondo Microsoft, è in grado di associare alle parole che l'utente visualizza i link scelti da Microsoft: in sostanza il browser riconosce la presenza di una parola per cui Microsoft ha predefinito un link e vi abbina l'indirizzo del sito che la stessa ha selezionato per quel particolare argomento a cui il termine è riferibile. Così se stiamo leggendo una pagina sui viaggi all'estero contenente la parola airline, questa potrebbe per esempio avere un link diretto a un sito deciso da Microsoft, sulla base di una propria accurata scelta.

Non fatichiamo ad immaginare che questa scelta dipenderà anche da parametri di convenienza: è certo che tra i siti collegati tramite Smart Tag rientreranno di preferenza le pagine Microsoft e i clienti della casa di Seattle che hanno sottoscritto servizi Premium a pagamento.

Tutto questo in realtà è come avrebbe dovuto funzionare il sistema: in realtà Microsoft ha deciso di non introdurre la funzionalità Smart Tag nel suo ultimo browser, ufficialmente perché "non intende sconvolgere le abitudini di navigazione degli utenti". In realtà pare che ci sia stata bagarre all'interno della società di Bill Gates sull'opportunità di adottare o meno un tale accorgimento, e alla fine si sia optato per una sospensiva all'introduzione.

Questa decisione è molto saggia, soprattutto in ragione dei recenti sviluppi legali: queste vedono Microsoft in parte sollevata dalla gravità delle accuse rivoltele, anche se restano pendenti le indagini per definire i sospetti di monopolio. In tale quadro non sarebbe per nulla incoraggiante per i giudici statunitensi l'inserimento di una tecnologia come Smart Tag che vincola fortemente l'utente alle scelte della società fornitrice del software.

Meglio attendere dunque, anche se Smart Tag rischia di uscire dalla porta e rientrare nella finestra, magari integrato in una prossima release di Office XP: componendo un documento di Word contenente una ricetta ci potremmo trovare inseriti dei link alle pagine di cucina di MSN. Un quadro per certi versi affascinante, ma sicuramente inquietante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Le proteste che hanno spinto Google a sospendere Street View in alcuni Paesi...
sono giuste: occorrono limiti più seri per salvaguardare la privacy.
sono ingiuste: Street View non danneggia affatto la privacy.

Mostra i risultati (2675 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics