Un pugno di uomini per governare Wikipedia

Un messaggio email privato di un'amministratrice, reso pubblico, svela l'esistenza di un gruppo di "eletti" che privatamente decidono degli altri utenti dell'enciclopedia libera.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-12-2007]

Foto di Alexander Zhiltsov

La leggenda vuole che Wikipedia sia un luogo virtuale dove si collabora in armonia e trasparenza per rendere disponibile la conoscenza a tutti, dove i problemi vengono discussi in pubblico e dove ognuno può dire la propria.

Una email scritta da una (ormai ex) amministratrice di Wikipedia, Durova, ha però svelato una realtà piuttosto differente.

Costei premeva per il ban di un molto attivo - e perciò sospetto, secondo l'admin - utente di Wikipedia, dal curioso nickname "!!" (doppio punto esclamativo): la Durova lo considerava uno di quelli che tentano di sabotare dall'interno l'enciclopedia libera, scrivendo informazioni fuorvianti o inesatte così da screditarla.

Tutta la discussione sarebbe avvenuta in una mailing list segreta, accessibile solo a pochi amministratori che potevano così decidere delle sorti di Wikipedia lontano dalla folla degli utenti.

Proprio un amministratore però, pubblicando una email privata di Durova, ha portato alla luce questa realtà parallela, e The Register ha poi avuto il merito di diffondere la notizia, che in queste ore sta facendo discutere parecchi utenti di Wikipedia e non solo.

Ad aggiungersi alla scoperta di un "centro direzionale segreto" di quella che dovrebbe essere un'opera collaborativa che di segreti non ne ha, c'è il fatto che le accuse di Durova erano infondate, tanto da costringere l'amministratrice a dimettersi dal proprio incarico contestualmente alla rapida reintegrazione di "!!".

Secondo James Wales, cofondatore di Wikipedia, si tratterebbe però soltanto di "una tempesta in un bicchier d'acqua", dal momento che l'utente erroneamente bannato è stato riammesso in appena 75 minuti. D'altra parte, si sa che lo stesso Wales ha fatto di tutto per mettere a tacere ogni dicussione a proposito della mailing list segreta, riporta ancora The Register.

Che la situazione sia percepita come grave lo dimostrano le parole di Charles Ainswort, sempre riportate dal sito inglese: "Non ho mai visto la comunità Wikipedia tanto arrabbiata quanto in questo caso. Penso che ci fosse più rabbia nascosta e frustrazione con la "cricca che governa" di quel che credevo e il comportamento aggressivo di Durova e il suo rifiuto arrogante di assumere informazioni sufficienti l'abbia fatta uscire allo scoperto".

Il problema non è infatti l'esistenza di una mailing list di coordinamento tra amministratori, ma la sua segretezza e il conseguente comportamento dei pochi eletti: una situazione che in un progetto quale Wikipedia non avrebbe proprio dovuto esistere.

Tutta questa storia ha quindi fatto infuriare molti e aumentato il sospetto verso un'iniziativa comunque meritevole che però, di tanto in tanto, è già stata oggetto di critiche per una supposta mancanza di trasparenza e "democrazia".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

massoneria in che senso? uno ha toppato a bloccare un utente, il blocco è stato tolto quindi il problema è stato risolto, e l'amminstraotre che ha sbagliato non è più amministraotre. In più quell'ammisnitratore aveva mandato un'email privata ad alcune persone che conosceva per spiegare cosa ha fatto (non può? tra l'altro non sappiamo... Leggi tutto
24-12-2007 00:34

la immaginavo una "massoneria" di wikipedia... :? basta leggere le news interne rirguardanti l'amministrazione delle voci, votazioni ecc... nn serviva questa email
23-12-2007 15:01

{Elan}
Wikipedia ha molti nemici: è tutta una montatura? Leggi tutto
8-12-2007 17:16

{!!!}
L'anarchia non ha mai funzionato Leggi tutto
6-12-2007 10:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Con quale delle seguenti affermazioni, tutte relative a siti che vendono coupon e buoni sconto online, concordi di più? (Se vuoi dare risposte multiple utilizza i commenti)
Sono un cliente abituale dei siti di coupon e in generale posso dichiararmi soddisfatto delle promozioni attivate tramite questo mezzo innovativo.
Apprezzo i coupon soprattutto per provare quelle strutture dove non sono mai stato, o servizi che non ho mai utilizzato prima.
Acquisto talvolta i coupon ma purtroppo molte volte non riesco a utilizzarli prima della loro scadenza, pertanto penso di diminuire questa attività o di continuare a farlo saltuariamente.
Acquisto i coupon soprattutto per usufruire dello sconto e raramente acquisto nuovamente un servizio o torno in una struttura a "prezzo pieno".
Solitamente acquisto un coupon soltanto se conosco già la struttura o il servizio offerto, non voglio fregature.
Mi è capitato spesso di prendere delle fregature o di non essere servito alla stregua degli altri clienti, pertanto penso che non acquisterò più coupon.
Non ho mai acquistato un coupon.

Mostra i risultati (1638 voti)
Luglio 2020
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Tutti gli Arretrati


web metrics