Riaa: un filtro su ogni computer

Il presidente dell'associazione americana dei discografici, riconoscendo il fallimento dei filtri imposti a livello di provider, propone che ogni utente installi un filtro sul proprio Pc, riconoscendone i grandi benefici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-02-2008]

Tastiera in fiamme

La Riaa, poverina, si trova in difficoltà. Nonostante la generosa offerte dei provider americani, capitanati da At&t, di filtrare le connessioni Internet degli utenti, la lotta al peer to peer non va così bene.

Il nemico che rende vani gli sforzi dei provider si chiama crittografia e fa sì che il traffico di materiale coperto da copyright continui a passare indisturbato, mentre gli utenti scaricano musica a più non posso e i discografici perdono montagne di denaro, almeno a sentir loro.

A tutto c'è però un rimedio; la diabolica fantasia del presidente delle Riaa ha partorito una soluzione ma geniale: è sufficiente far installare agli utenti i filtri direttamente sul proprio Pc e l'obiettivo verrebbe raggiunto in men che non si dica.

"Sul computer dell'utente si potrebbe mettere un filtro che elimini ogni beneficio della criptazione perché se si vuole sentire la musica, occorre decriptarla, e a quel punto il filtro entrerebbe in funzione", ha detto, ispirato, il presidente Sherman durante una conferenza a Washington.

Resta il problema di convincere gli utenti a passare per fessi e a installare i filtri. La prima proposta di Sherman è sperare che questi filtri vengano installati alla stregua di un software antivirus, l'utilità del quale è riconosciuta: il naturale passo successivo rispetto agli antivirus, secondo il presidente della Riaa, è che gli utenti riconoscano anche i benefici derivanti dalla presenza, sui loro propri Pc, di un software che etichetti come illegale la musica che essi stessi hanno deciso di scaricare.

Dal momento che si tratta di uno scenario piuttosto improbabile, ecco un'altra idea: installare i filtri direttamente su modem, router o apparecchi analoghi. In alternativa, Sherman accarezza l'idea di vederli implementati in ogni applicazione per il p2p, cosa forse ancora più improbabile dell'installazione volontaria. A questo prezzo, converrebbe sentire Steve Ballmer per chiedergli di integrarli direttamente in Windows.

Alla notizia, qualcuno si è chiesto perché non inventare delle tastiere che somministrino una scarica elettrica qualora l'utente sia sospettato di scaricare materiale coperto da copyright. Sarebbe una misura più efficace di qualsiasi filtro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

poco importa che la pena cambi, dato che il 99% delle volte si fa entrambe le cose (senn nn si chiamerebbe p2p) 8) Leggi tutto
15-2-2008 13:50

se poi mettiamo in conto che anche la legge non chiara e non si sa bene come interpretarla (vedi l'ultimo caso entrato in vigore che legalizzerebbe la condivsione di opere purch degradate (ma per definizione stessa l'mp3 una versione degradata dell'originale) e per scopi educativi (prestando il fianco a varie interpretazioni9 Leggi tutto
11-2-2008 20:44

HAHAHAHAHAHAHA scusate ma non resitso HAHAHAHAHAHAHAHA ma come fate a commentare queste cose ma dico non vi siete sbellicati dal ridere?!! :D Io nn ce la faccio a dare un commeno serio troppo divertente come talgiarsi le palle per fare un dispetto alla moglie haaaaaaaaahahahahahah!!!!
11-2-2008 20:43

come si pu notare dai commenti che arrivano c' proprio una confusione sulla legge in questione p2p. Non che io abbia capito per come stanno veramente le leggi in questo campo.... Leggi tutto
11-2-2008 19:37

scusate ma non c' stata poco tempo fa una sentenza della corte di cassazione che ha stabilito che scaricare musica (e film) per uso esclusivamente personale non illegale? lo sarebbe se fosse utilizzata per altri usi...tipo venderla!
11-2-2008 19:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual tra questi il motivo pi importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1221 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics