Google Transit per viaggiare coi mezzi pubblici

Il nuovo servizio, disponibile anche in Italia, consente di pianificare tragitti con Google Maps viaggiando sui mezzi pubblici.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-03-2008]

Google Transit per i mezzi pubblici

Chi si sposta frequentemente in città con i mezzi pubblici da oggi può contare su un aiuto in più per pianificare un tragitto: Google ha annunciato oggi il lancio di Transit, il servizio che fornisce indicazioni su come arrivare a una determinata destinazione utilizzando i mezzi pubblici.

Il servizio, integrato in Google Maps, segnala all'utente le tratte coperte, le fermate più vicine al punto di partenza e a quello di arrivo, i tempi di percorrenza e gli orari di riferimento. E' possibile costruirsi un percorso che preveda l'utilizzo di diversi mezzi: tram, autobus, metropolitana e treno.

Il servizio è disponibile anche in Italia, ma per il momento soltanto per il comune di Torino e per l'area metropolitana fiorentina, la zona del Mugello-Val di Sieve e quella del Chianti-Valdarno. A breve il servizio verrà attivato anche presso il comune di Genova e nel territorio veneto. Successivamente seguiranno altre aree metropolitane: ulteriori incontri sarebbero in corso con amministrazioni locali e società di trasporto pubblico per estendere il servizio ad altre aree in Italia.

"Google Transit sta suscitando molto interesse soprattutto presso gli enti pubblici, sempre più sensibili ai concetti di mobilità sostenibile e innovazione", ha spiegato a Zeus News Aldo Spivach di Google. "Fornire informazioni sui mezzi e gli orari del trasporto pubblico locale a una base di utenti numerosa come quella di Google significa promuovere il servizio pubblico in maniera facile ed efficiente. Il nostro servizio è adattabile a ogni tipo di realtà urbana, qualunque sia la sua dimensione, ed è assolutamente gratuito sia per gli utenti finali sia per gli operatori".

Nei commenti qui sotto trovate le dichiarazioni di alcuni amministratori locali di Firenze, Torino e Genova.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{Marta Vincenzi}
Genova città digitale Leggi tutto
4-3-2008 12:03

{Maria Grazia Sestero}
Torino all'avanguardia Leggi tutto
4-3-2008 12:02

{Matteo Renzi}
Servizio innovativo per Firenze Leggi tutto
4-3-2008 12:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1342 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Tutti gli Arretrati


web metrics