TorrentSpy chiude, schiacciato dalle major

Uno dei più popolari siti BitTorrent ha definitivamente chiuso i battenti in seguito a una causa legale contro la Mpaa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-03-2008]

TorrentSpy chiude

Quello che fino a due anni fa tra i più famosi motori di ricerca BitTorrent, TorrentSpy, ha chiuso definitivamente i battenti pochi giorni fa.

Si tratta dell'esito di una battaglia legale contro la Mpaa iniziata nel febbraio del 2006 e sfociata nella richiesta avanzata da un giudice nel dicembre scorso di avere i dati di tutti gli utenti. Il sito, sostenendo che si trattava di un ordine lesivo della privacy, aveva così distrutto le prove impedendo allo stesso tempo l'accesso dagli Stati Uniti.

Il giudice aveva quindi multato TorrentSpy per 30.000 dollari e ora, senza alcuna imposizione da parte di una corte, il fondatore Justin Bunnell ha annunciato la chiusura: "il clima legale negli Usa ... è semplicemente troppo ostile", si legge nella home page.

"Abbiamo passato gli ultimi due anni, spendendo centinaia di migliaia di dollari, difendendo i diritti nostri e dei nostri utenti", si trova ancora scritto in quel che rimane del sito. C'è chi si chiede come quelle centinaia di migliaia di dollari siano state guadagnate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

nooooooooooooooooooooooooooooooooo :basta:
17-4-2008 17:36

Il fatto è che "l'automobile" viene utilizzata in un contesto regolamentato. Mi riferisco al Codice della strada. Il peer to peer è una bella realtà, che purtroppo non gode ancora di un profilo ben preciso. Torrentspy esisteva, come e - mule esiste, grazie ad una vera e propria lacuna giurisprudenziale. Certo, non sono... Leggi tutto
7-4-2008 07:42

{sara}
legalità Leggi tutto
3-4-2008 21:19

Come dire che invece di chi ha legalmente ragioen, conta chi rompe di più le palle, e ha soldi e mezzi per poterlo fare. :blackhumour:
1-4-2008 22:56

anzi, proprio il fondatore, Justin Bunnell che si è rotto le palle, di avere le palle rotte dalla Mpaa ha chiuso tutto. Lo dice anche l'articolo.
1-4-2008 20:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2618 voti)
Marzo 2021
Come difendersi da un robot di Boston Dynamics
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 marzo


web metrics