La poligamia, il copyright e il DMCA

Las Vegas, 17 luglio 2001: il FBI arresta Dmitry Sklyarov, accusato di essere l'autore di un programma in grado di decrittografare gli e-books codificati con il sistema di Adobe. Vero, eppure Dmitry non ha violato la legge. E chi lo ha denunciato farebbe invece bene a ringraziarlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-08-2001]

Ci sono Paesi, come il Kuwait, in cui è lecita la poligamia: un uomo può avere fino a quattro mogli contemporaneamente. Altrove, ad esempio in Italia, la poligamia è reato: solo chi è celibe, vedovo o divorziato può contrarre matrimonio. Ora, poniamo il caso che un cittadino Kuwaitiano visiti il nostro Paese, per turismo o per affari: a nessuno verrebbe in mente di arrestarlo, anche se poligamo; è evidente che, essendosi comportato in Kuwait secondo la legge del Kuwait, questo signore non ha pendenze con la Giustizia italiana e potrebbe finire nei guai solo se si sposasse ancora una volta o commettesse qualche altro illecito qui, in Italia.

E' normale. O, almeno, lo è in qualsiasi nazione democratica. Ma vediamo cosa è accaduto poche settimane fa negli Stati Uniti, che da sempre amano presentarsi quali paladini della democrazia e dei diritti civili in tutto il mondo.

Il 17 luglio scorso, Dmitry Sklyarov viene arrestato a Las Vegas, dopo avere partecipato al DefCon, un incontro di hackers, dove ha tenuto una relazione sui sistemi di crittografia per la protezione degli e-books da utilizzi non autorizzati. Su di lui pende una denuncia da parte di Adobe, il cui sistema di protezione sarebbe stato annientato da un programmino scritto proprio da Dmitry in persona e, per di più, tranquillamente venduto in Rete: comportamenti sanzionati dal solito Digital Millennium Copyright Act.

E' tutto vero: Dmitry ha effettivamente scritto quel programma, e la società per cui lavora, la ElcomSoft lo ha messo in vendita (ritirandolo però dopo breve tempo dagli scaffali virtuali, su richiesta della stessa Adobe). Ma Sklyarov è cittadino Russo e vive a Mosca, dove ha scritto il software incriminato, e dove anche la ElcomSoft ha la sua casa madre. Le leggi russe in materia di copyright sono diverse da quelle statunitensi, dunque Sklyarov non ha commesso alcun reato: nè in Russia, proprio perché là il suo operato è considerato lecito, nè negli Stati Uniti, dove era semplicemente di passaggio. Ma è stato ugualmente arrestato, a maggiore evidenza di quale strapotere dispongano le multinazionali grazie a certe leggi, dalle stesse fortemente volute e sponsorizzate.

Leggi la seconda parte

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2028 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 dicembre


web metrics