In prova: 4Geek Medley Hmr-500

Un centro multimediale pronto per l'alta definizione, con una ricca dotazione di connessioni e che può essere collegato anche alla rete wireless.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2008]

Recensione di 4Geek Medley Hmr-500

Il Medley Hmr-500 di 4Geek (dove Hmr sta per Hd Media Recorder and Player) si propone come centro multimediale pensato per sostituire i Dvd Recorder o l'ormai vetusto videoregistratore, che in molte case tuttora regna sovrano semplicemente per la facilità con cui è possibile registrare su Vhs.

In realtà, 4Geek non ne è il produttore: il dispositivo è infatti un Ellion Hmr-700A rimarchiato, come si vede chiaramente anche dal sito del produttore. Non è questa una precisazione oziosa: sapere ciò permette di utilizzare in caso di necessità i rilasci del firmware per il prodotto targato Ellion anche sul Medley di 4Geek. In ogni caso in Italia non c'è un importatore ufficiale per i prodotti Ellion, quindi occorre sempre fare riferimento a 4Geek.

Contenuto nelle dimensioni e di colore nero, presenta nella parte anteriore i comandi principali: il pulsante di accesione, quello per la scelta della sorgente di registrazione e il tasto per l'avvio rapido della stessa, il pulsante di ritorno alla schermata principale e lo shuttle per spostarsi attraverso i menu nelle quattro direzioni, al centro del quale vi è un tasto Enter per la selezione. Inoltre, nella parte bassa, si trova uno sportellino che nasconde una porta Usb e una miniFireWire; tramite quest'ultima è possibile collegare e controllare una videocamera.

Il corpo centrale del prodotto è invece tutto destinato all'alloggiamento del disco rigido Serial Ata, che sarà il supporto deputato a registrare i programmi televisivi (anche da un decoder satellitare o digitale terrestre) e a contenere i file multimediali che si intende riprodurre. Una volta in posizione, il disco lavorerà in verticale, appoggiato su un sistema di sospensioni che attutirà le vibrazioni.

Sul retro trovano invece posto le molte porte e connessioni disponibili: due prese Scart (ma esiste anche la versione che le sostituisce con una Video Component), gli ingressi e le uscite video e audio Rca e coassiali, due ulteriori porte Usb di tipo A e una di tipo B per poter collegare il Medley a un Pc come se fosse un normale disco esterno. Ci sono poi una porta Ethernet, un'uscita Hdmi e una connessione per un eventuale ricevitore Ir esterno.

Infine, nella zona bassa della parte posteriore, trova posto quello che le istruzioni chiamano cripticamente S/W meccanico, ossia l'interruttore generale che toglie l'alimentazione all'apparecchio: il tasto posto sulla parte frontale, infatti, serve per attivare lo standby, fermando il disco rigido ma tenendo il dispositivo sotto tensione. In questa modalità il consumo di corrente del Medley viene ridotto a 3 watt.

Nella confezione trova posto, insieme al telecomando e alle sue due batterie, una ricca dotazione di cavi che permette di essere operativi fin da subito, qualunque sia la modalità di connessione che si preferisca, senza dover comprare a parte l'occorrente.

Hmr-500 supporta una discreta quantità di formati video: Mpeg 1 e 2, Divx, Xvid e anche i formati per l'alta definizione fino a 1080i; non permette invece di riprodurre nativamente i file nel formato H.264, come invece indicato nelle specifiche. C'è da sperare che il solito aggiornamento del firmware sistemi questa mancanza. È possibile, invece, visualizzare i sottotitoli presenti in file a parte nei formati srt, ssa e smi.

Chi volesse visualizzare i propri file in H.264 (spesso contenuti nei sempre più diffusi file Matroska mkv), dovrà usare un piccolo trucco che sfrutta un software fornito con il Medley. Si tratta del programma Transcode Server, che dev'essere installato ed eseguito sul Pc che contiene il file in questione. A quel punto, dal Medley sarà possibile riprodurre in streaming il video che risiede sul computer.

Per quanto riguarda l'audio, oltre al classico supporto per Mp3, Wav e Wma, è compreso anche quello per i file Ogg, Ac3, Aac e Dolby Digital. Infine, Hmr permette di vedere sul televisore le proprie immagini e fotografie in formato Jpeg e Bitmap.

Per fare tutto ciò si usa un software abbastanza intuitivo per le operazioni base di riproduzione e registrazione ma forse leggermente più ostico se si vogliono eseguire altri compiti, per i quali i comandi - almeno le prime volte - non sono sempre immediati.

L'interazione avviene partendo dal menu principale - la Guida - che permette di accedere alle cinque sottosezioni: il browser, lo strumento per la gestione delle registrazioni, l'utilità per la copia dei file, il sistema di selezione della sorgente di registrazione e il setup generale.

Il browser permette di spostarsi agevolmente tra i vari supporti, cui il Medley può essere collegato, che contengono i file multimediali: il disco interno, le cartelle di rete, i dischi o le chiavette Usb. Per ogni supporto selezionato si possono visualizzare alternativamente i film, la musica o le foto (non tutti i file insieme, ma solo divisi per categoria), vederne un'anteprima e riprodurli.

La registrazione, nella forma base, è veramente semplice: si seleziona la sorgente tramite il grande tasto Source sul corpo principale dell'apparecchio, tramite la quarta voce del menu Guida o dal telecomando, si preme Rec e la registrazione si avvia immediatamente. Usando invece la funzione che il menu principale indica con l'orribile traduzione di Rec Lista, si può programmare l'ora di inizio e quella di fine della registrazione o anche accedere al sistema di editing video del materiale già memorizzato. Durante la registrazione, inoltre, si possono sempre riprodurre gli altri file multimediali, a eccezione di quelli in alta definizione.

Interessante è la presenza della funzione timeshifting, conosciuta ai più probabilmente tramite la pubblicità del decoder Sky con hard disk integrato che consente di "mettere in pausa" il programma che si sta guardando nel caso in cui si debba interrompere la visione per qualche motivo: attivando questa funzione, dunque, il Medley registrerà in background la trasmissione che potrà essere rivista in un momento successivo.

La funzione del sistema di selezione di sorgente della registrazione (A/V In, dice il menu) è piuttosto ovvia: serve per scegliere quale ingresso deve essere selezionato per registrare. In questo modo si possono anche convertire facilmente le vecchie videocassette o i nastri delle videocamere analogiche.

C'è un lato negativo da segnalare: non è possibile registrare da sorgenti in alta definizione: la porta Hdmi, infatti, è solo un'uscita. Chi dunque spera di utilizzare il Medley per registrare - per esempio - i programmi Sky in alta definizione dovrà restare deluso.

Bisogna anche segnalare che Hmr-500 non integra un sintonizzatore Tv: ci sarà quindi sempre bisogno di collegarlo a un apparecchio esterno, sia esso un televisore o un decoder.

Ovvia è anche la funzione dell'utilità di Copia: permette naturalmente di copiare da un supporto all'altro i propri file. Le prime volte, tuttavia, la procedura potrà sembrare un po' strana: posizionatisi nella cartella di origine, per selezionare i file bisognerà premere Play sul telecomando (e non Enter come probabilmente ci si aspetterebbe); poi, posizionatisi sulla destinazione, per avviare la copia occorrerà premere la freccia verso destra. Un po' di pratica, comunque, permetterà di adattarsi abbastanza agevolmente al sistema.

Resta infine il setup. Al primo avvio, Hmr si incaricherà di preparare il disco rigido interno formattandolo e suddividendolo in tre parti ridimensionabili dall'utente. Una parte (formattata in Udf) verrà dedicata alla cache della registrazione (fino a un massimo di 4 ore, o 8 Gbyte); un'altra - formattata in Fat32 - servirà sia per la registrazione che per l'archiviazione e il resto - in Ntfs - sarà soltanto per l'archiviazione.

La partizione in Ntfs, infatti, può essere scritta solo se il dispositivo viene collegato a un Pc tramite la porta Usb B posta sul retro: non si possono dunque spostare i file dalla partizione Fat32 a quella Ntfs usando la funzione integrata di copia, ma è necessario un computer.

Dal menu Setup si potranno poi variare le impostazioni del video (il formato, la selezione dell'ingresso), della registrazione (la qualità, il dispositivo su cui salvare, la creazione automatica dei capitoli), della rete (via Ethernet o usando la chiavetta Usb per la connettività wireless opzionale) e quelle generali (la lingua, la formattazione del disco, la data e l'ora).

Uno dei vantaggi principali di questo prodotto sta proprio nella connettività di rete: la porta Lan integrata permette di espanderne l'uso non costringendo l'utente a copiare ogni file sul disco interno ma permettendo di riprodurli da remoto. L'opzionale connessione wireless porta ancora oltre questa possibilità, liberando l'utente sia da tediosi trasferimenti di file sia dal dover tirare gli altrimenti necessari cavi di rete.

Chi deciderà di collegare il dispositivo di 4Geek alla propria rete senza fili, però, dovrà faticare un po'. Il firmware installato al momento dell'acquisto non permette l'accesso a reti protette tramite protocollo Wpa, mentre non ci sono problemi se la cifratura è Wep o la rete non è protetta.

Per ovviare a questo problema occorre scaricare un nuovo firmware. Bisognerà scartare subito, tuttavia, quelli di Ellion: anche se sono più recenti, non includono il supporto wireless, che infatti è stato aggiunto dai ragazzi di 4Geek sfruttando una chiavetta Usb. Rivolgendosi quindi ai firmware ufficiali, si può attivare la connessione Wpa.

Tutto ha un prezzo, però: al momento sul sito di 4Geek sono presenti tre aggiornamenti firmware alternativi. Il primo aggiunge il supporto Wpa e risolve anche alcuni piccoli bug legati alla gestione dei sottotitoli; un altro migliora la gestione dell'uscita Hdmi per l'alta definizione; un terzo firmware aggiunge la funzionalità di Time Schedule per le registrazioni automatiche. Bisogna comunque scegliere uno dei firmware e attivare solo alcune funzionalità: non esiste ancora un firmware che integri tutte le correzioni.

In ogni caso, questa limitazione dovrebbe essere soltanto provvisoria: a breve è infatti prevista l'uscita di una nuova versione che attivi anche la funzione Ndas, cioè la possibilità di usare il Medley come disco di rete.

Tutto ciò spiega perché il prodotto sia venduto anche senza disco fisso: l'hard disk non è strettamente necessario, dato che si possono sfruttare i supporti già esistenti tramite le numerose possibilità di connessione.

Un altro punto di forza è rappresentato dall'abbondanza di connessioni disponibili e dai formati supportati, numerosi anche se la lista potrebbe ulteriormente allungarsi, magari tramnite un aggiornamento del firmware (alcuni upgrade sono già stati rilasciati). Ciò pone il Medley qualche gradino più in alto anche dell'acclamata (oltreoceano, visto che in Italia non è ancora arrivata) AppleTv, che però integra già all'origine un disco da 250 Gbyte e costa un po' di più del Medley.

Il prezzo parte da 189 euro per la versione base (senza Wi-Fi), che diventano 229 per la versione con il Wi-Fi; è poi disponibile anche una versione con incluso un disco Samsung da 500 Mbyte, a 299 euro.

Vera pecca è la traduzione italiana, che lascia parecchio a desiderare sia per quanto riguarda le voci dei menu che il manuale. In alcuni casi è addirittura fuorviante: la funzione formatta disco, per esempio, è tradotta con formato disco, dicitura che la rende potenzialmente pericolosa per l'integrità dei contenuti.

Il Medley Hrm-500 si presenta in definitiva come una via di mezzo tra un Home Theater Pc e un lettore Dvd tradizionale. Rispetto al primo può contare su un prezzo più contenuto a fronte di una minore offerta di funzioni: un Htpc è un computer a tutti gli effetti, e come tale gode di una flessibilità anche nella scelta dell'interfaccia che il Medley non può offrire ma che nemmeno è il suo obiettivo.

Rispetto a un lettore o registratore Dvd, invece, le possibilità offerte sono decisamente superiori - il che comporta naturalmente un esborso maggiore - e vanno oltre la semplice riproduzione di filmati, musica o fotografie.

4GEEK MEDLEY HMR-500
Prezzo A partire da Euro 189,99 (Iva inclusa)
Funzionalità 4.5
Documentazione e facilità d'uso 2
Condizioni Commerciali 3.5
Giudizio Globale 3.5

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Ciao Io se conosci questo hmr avrei bisogno d'aiuto :( Leggi tutto
22-10-2010 12:40

.Christian.
Ciao Matteo, ho letto con molto interesse la tua recensione sul 4geek medley hmr 500 e da quello che scrivi si capisce subito che l'hai fatto funzionare alla grande,ho acquistato l'oggetto in questione ed è in casa da circa tre giorni, ho visualizzato i file caricati sul suo hd interno e su pennina usb esterna fin qui tutto bene il... Leggi tutto
22-10-2010 12:11

.Andrea.
Ciao, volevo chiedere delucidazioni riguardo al 4Geek Medley Hmr-510, perchè vorrei prenderlo per registrare le partite sulla ps3 tramite l'uscita HDMI ma non so con quale qualità registrerebbe e se è possibile farlo. attendo notizie, grazie mille in anticipo
22-7-2010 17:54

Trovo sempre più allettanti queste soluzioni multimediali che offrono una ampia connettività a un prezzo contenuto. E con il passare del tempo anche una aumentata affidabilità. Certo mancano del lettore dvd che dovrà essere messo a parte. Ma se teniamo conto di quale sia spesso il costo di un dvd player/recorder con integrato l'hard... Leggi tutto
9-5-2008 17:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (364 voti)
Settembre 2020
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tutti gli Arretrati


web metrics