Il blog non censurabile di Pirate Bay

Per difendere la libertà di parola, il famoso motore per BitTorrent lancia una piattaforma dove possono trovare rifugio i blogger colpiti dalla censura.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-04-2008]

BayWords, il blog incensurabile di Pirate Bay

"Molti blog vengono chiusi a causa di pensieri e idee scomodi. Noi non lo faremo. Il nostro obiettivo è proteggere la libertà di parola e i vostri pensieri. Finché non violerete alcuna legge svedese nel vostro blog, noi lo difenderemo".

Con queste parole The Pirate Bay, uno dei più noti siti dedicati all'indicizzazione dei file .torrent, ha lanciato il proprio nuovo servizio: BayWords, il blog libero da censura.

La piattaforma, per quanto già utilizzabile, è ancora in fase di sviluppo. Finora l'obiettivo è stato essere funzionanti, dicono gli autori; le funzioni aggiuntive arriveranno, basterà avere un po' di pazienza.

L'idea di creare un host dove chiunque può aprire il proprio blog ed esprimere liberamente le proprie idee, ha detto uno dei fondatori della Baia, deriva dall'aver constatato che in molti casi i blog vengono chiusi perché il loro contenuto non piace a chi li ospita.

The Pirate Bay non è nuova a iniziative di questo genere: già da qualche tempo esiste BaiIMG, servizio di hosting per immagini libero da censura, e si sa che è allo studio un'analoga iniziativa rivolta però ai video.

L'unico modo restante di impedire ai navigatori di usufruire di questi servizi è imporre agli Isp il blocco degli accessi al sito. Ciò è esattamente quanto richiesto nel mese di febbraio dalla Federazione Internazionale dell'Industria Fonografica (Ifpi) al provider danese Tele2. La Ifpi ha motivato la propria richiesta con l'accusa, rivolta a The Pirate Bay, di favorire la violazione dei diritti d'autore.

Alle accuse e al blocco seguito la Baia dei Pirati ha risposto minacciando di chiedere i danni alla Ifpi per il periodo in cui vengono tagliati fuori da Internet. I soldi raccolti in questo modo serviranno per finanziare gli artisti danesi emergenti, così che possano creare musica e rilasciarla gratuitamente. Il tutto involontariamente sponsorizzato dalla Ifpi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Sempre all'avanguardia, a PirateBay... grandissimi 8) .
18-4-2008 11:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (707 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics