Google chiude un progetto open source per problemi di copyright

Il progetto CoreAvc per Linux chiude: la società che produce il codice ha accusato Google di violazione di copyright.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-05-2008]

Google chiude CoreAvc per problemi di copyright

CoreAvc for Linux è un progetto ospitato da Google Code che consente a MPlayer, un lettore di file multimediali diffuso su Linux, di usare il filtro DirectShow CoreAvc. In tal modo i filmati in formato H.264 possono essere riprodotti usando uno dei più veloci codec software per Windows esistenti anche con il sistema operativo del pinguino.

Sfortunatamente, il progetto non potrà più essere sviluppato: Google è stata costretta a rimuoverlo a seguito di una lamentela basata su un articolo del Digital Millennium Copyright Act, la famosa o famigerata legge americana sul diritto d'autore.

La richiesta, inviata da CoreCodec (che è il produttore di CoreAvc), è ospitata su Chilling Effects e afferma che Google Code ospita o linka del materiale che viola il copyright di CoreCodec.

Tuttavia, CoreAvc non offriva materiale coperto da copyright - il codec di CreCodec, nella fattispecie - ma solo delle patch che permettevano di usare i filtri DirectShow sotto Linux. Non si capisce quindi perché CoreCodec affermi invece il contrario, né perché Google si sia affrettata a ottemperare a una richiesta quantomeno du dubbio fondamento.

La faccenda suona ancora più strana dopo una visita al sito di CoreCodec dove, nella sezione About us, si legge: "Come potete vedere l'equilibrio di CoreCodec riguardo ai prodotti audio e video sia open source che closed source è piuttosto unico sul mercato. La nostra filosofia è di rilasciare come open source quando appropriato, e quando scegliamo di rilasciare un prodotto come closed source tentiamo di aprirlo quanto più ci è possibile per l'accesso di terze parti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{ken}
giudici americani Leggi tutto
3-9-2008 20:49

Si, la notizia è vecchia e il motivo è semplice : Il "Digital Millennium Copyright Act" attualmente è sotto attacco da parte dei giudici Americani che la stanno letteralmente disfacendo ! Pensare che la volevano mettere pure in UE per fare contente le ditte americane tra cui (ma non l'ammetterà mai) la Microsoft ! :twisted:... Leggi tutto
6-5-2008 20:51

{Giuseppe}
Allarme rientrato Leggi tutto
6-5-2008 09:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qui sotto trovi in ordine alfabetico i 20 marchi più pregiati nel 2014, secondo la celebre classifica compilata da Millward Brown. Secondo te qual è il più pregiato? Confronta poi il tuo voto con questo link.
Amazon
Apple
AT&T
China Mobile
Coca-Cola
GE
Google
IBM
Industrial and Commercial Bank of China
McDonald's
Marlboro
Mastercard
Microsoft
SAP
Tencent
UPS
Verizon
Visa
Vodafone
Wells Fargo

Mostra i risultati (2124 voti)
Novembre 2018
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Tutti gli Arretrati


web metrics