Il Garante per la privacy multa i supermercati spioni

Usare i dati delle "tessere fedeltà" per le proprie campagne marketing richiede l'approvazione esplicita dei clienti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-05-2008]

Il Garante per la privacy multa i supermercati

Quando il supermercato propone a un cliente abituale una tessera fedeltà tramite la quale accumulare punti non gli sta facendo un favore, ma probabilmente cerca di raccogliere informazioni che siano utili per migliorare i propri affari.

La cosa, in sé, potrebbe anche essere legittima se il cliente in questione venisse informato del destino dei dati che sta consegnando prima di firmare il modulo. Se questo non avviene, il supermercato abusa della fiducia del cliente e il Garante per la privacy può anche multarlo, come successo alla catena GS.

Una sanzione da 54.000 euro è dunque stata inflitta "per non aver informato correttamente la clientela dell'uso che avrebbe fatto dei dati forniti per l'adesione a un programma di fidelizzazione. ... Non veniva specificato che i dati personali sarebbero stati utilizzati anche ai fini di analisi delle abitudini, delle scelte di consumo e per strategie di marketing."

Gli altri ipermercati si ritengano avvisati e si mettano in regola prima di essere colpiti a loro volta dalle sanzioni: raccogliere informazioni sui prodotti acquistati dai clienti al fine di classificarli e "programmare le campagne promozionali o inviare comunicazioni commerciali mirate" non è accettabile se non viene offerta la possibilità di esprimere chiaramente la propria volontà: si può voler attivare una tessera fedeltà senza per questo desiderare di essere invasi dalla pubblicità o spiati quando si fa la spesa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Non sono d'accordo... la possibilita' di abusare dei dati raccolti con le tessere al supermercato e' concreta, tant'e' che molti clienti preferiscono non averle affatto. Plauso quindi a Pizzetti e al suo staff, se l'abuso c'e' stato.
22-5-2008 10:20

{M.C.}
L'intervento di Pizzetti mi sembra esagerato Leggi tutto
22-5-2008 10:07

Ora mi spiego una cosa che mi ero sempre chiesto. Tempo fa avevo letto o sentito da qualche parte che Esselunga, pur potendo contare su un database enorme sia in termini di anagrafiche che di prodotti acquistati dal singolo cliente (contenente i dati ed i comportamenti dei possessori di carta Fidaty), non aveva mai profilato tutti questi... Leggi tutto
21-5-2008 16:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2649 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 maggio


web metrics