"Incidente nucleare", ma era la beffa di un hacker

I siti russi che informano gli utenti sul livello di radiazioni sono stati messi fuori uso per alcune ore, mentre si diffondeva la voce di un incidente in una centrale nucleare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-05-2008]

Pirati informatici diffono il panico nucleare

Non una coincidenza, ma un attacco coordinato: di questo le autorità sono sicure. Prima i malviventi hanno diffuso la falsa notizia di una fuga di radiazioni dovuta a un incidente alla centrale nucleare Leningrad Nuclear Power Plant, vicina a San Pietroburgo, poi hanno attaccato e reso inoperativi i siti web che mostrano in tempo reale le informazioni sugli impianti nucleari e il livello di radiazioni.

Con gli indicatori via Internet irraggiungibili e la notizia di una possibile contaminazione, nella zona attorno alla centrale parecchia gente è stata presa dal panico.

Il panico, tuttavia, non è l'unica conseguenza di un attacco di questo tipo: false notizie diffuse l'anno scorso a proposito di un inesistente incidente nucleare hanno spinto decine di persone a prendere le pastiglie di iodio stabilizzato come contromisura all'inalazione di uno iodio radioattivo (che non c'era), avvelenandosi.

Secondo Stanislav Rumyantsev, pubblico ministero di Sosnovy Bor (la cittadina cresciuta intorno alla centrale), "abbiamo ragione di credere che si sia trattato di un'azione programmata. Può essere stata progettata da estremisti, teppisti, oppositori della costruzione di Leningrad Npp-2 (la nuova centrale progettata) o gente che ha i propri interessi economici".

La situazione delle radiazioni, hanno fatto sapere le autorità, è nella norma; nel giro di alcune ore i siti compromessi sono tornati a funzionare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

concordo... :wink:
7-6-2008 14:11

Per quanto il "sistema" sia valido e blindato, non sarà mai a prova di errore perchè affidato a esseri umani. E il sistema stesso è stato pensato da esseri umani. Poi concordo che subentrano paure "intrinseche" a un qualcosa che viene percepito come potenzialmente disastroso in termini assoluti Mentre, ad esempio,... Leggi tutto
6-6-2008 15:52

si, anche io mi informo :wink: a chernobyl la colpa è in buona parte umana... purtroppo con l'uomo le generazioni avanzano ma l'intelligenza no :wink: Leggi tutto
6-6-2008 13:37

Speriamo Trivvy, speriamo che non ci siano troppi interessi ad avversare la scoperta.
5-6-2008 21:51

Si ma tu sai perche a chernobyl è anfdato tutto a puttane una delle tante motivazioni è che il controllo delle barre era stato ponticellato dagli elettricisti e quindi le barre non sono state mollate, poi c'è ne sono altre le motopompe che non sono partite perche c'erano problemi ecc
5-6-2008 21:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2610 voti)
Gennaio 2021
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Tutti gli Arretrati


web metrics