Le intercettazioni di Berlusconi

Se passerà la legge Berlusconi che vieta le intercettazioni, ci sarà maggiore privacy ma, ironia della sorte, non sarà più possibile indagare su pirateria e peer to peer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2008]

Fa molto discutere l'annuncio di Berlusconi che intende presentare un disegno di legge (per un decreto mancherebbe il requisito dell'urgenza) che proibisca definitivamente le intercettazioni giudiziarie, tranne nei casi di criminalità organizzata (mafia, camorra) e terrorismo e pedofilia.

Sarebbero previste pene pesanti per i magistrati che le ordinassero comunque, e per gli organi di informazione che pubblicassero i testi delle intercettazioni finché coperti da segreto giudiziario.

Dall'applicazione di questa legge verrebbero importanti risparmi (oggi le spese per le intercettazioni arrivano al 33% del totale delle spese per la giustizia) che potrebbero dare un po'di respiro ad un'amministrazione della giustizia senza uomini e senza mezzi non solo informatici ma, nemmeno, benzina, carta, stenografi.

Si tratterebbe di una misura già prevista nel programma elettorale di Berlusconi, andando a ridurre una situazione che vede l'Italia in testa all'uso delle intercettazioni in Europa con numerosi casi di abuso, in cui vengono coinvolte molte persone estranee, le cui conversazioni personali, senza rilevanza penale, sono finite spesso sulle prime pagine dei giornali.

Come è noto, Berlusconi e il suo programma elettorale hanno ottenuto un vasto consenso, per cui oggi è legittimato a introdurre queste novità. Risulta però sospetto il fatto che Berlusconi sia diventato un nemico delle intercettazioni (dopo che dal 2001 al 2006, anni del suo governo, ne è stato fatto grande uso) dopo che le intercettazioni fra lui e il dirigente Rai Saccà, a proposito di assunzioni e favori ai senatori per far cadere Prodi, erano andate a finire sui giornali di tutto il mondo.

Dai reati per cui si esclude l'uso delle intercettazioni telefoniche e di email si escludono anche quelli finanziari, tipo aggiottaggio e bancarotta, evasione fiscale, ma anche rapine, sequestri di persona, omicidio e sfruttamento della prostituzione, quando non rientrano in casi di mafia.

Anche reati come la corruzione di politici e burocrati e la concussione sono esclusi (anche se la Lega, importante partner di Berlusconi, non è d'accordo).

Di per sè, nonostante l'opposizione dei magistrati, non sarebbe una legge cattiva, ma semmai andrebbe finalmente verso una auspicabile tutela maggiore della privacy; anche il referendum contro questa legge, che Di Pietro vuole promuovere, troverebbe probabilmente gli italiani sfavorevoli, mentre desiderano una forte limitazione dell'uso delle intercettazioni.

Il problema è che lo stesso Berlusconi vorrebbe dare ai servizi segreti maggiori poteri nell'uso delle intercettazioni. Le intercettazioni, certamente, hanno un ruolo importante nelle attività di investigazione ma non possono sostituire le prove vere e proprie dei reati.

Una cosa è certa: senza la possibilità per la Guardia di Finanza e per la Polizia Postale di predisporre un monitoraggio della navigazione Internet, al fine di individuare che pratica il peer to peer, non sarà possibile individuare gli autori e perseguirli penalmente o amministrativamente.

Sarebbe assurdo che per individuare un omicida non si possano intercettare le comunicazioni elettroniche, mentre si possa mettere sotto controllo la Rete per sapere chi si scarica la copia di un film o di una canzone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 38)

infatti le attrezzature per le intercettazioni mi pare di aver capito che le affittano.. Un abattimento dei costi potrebbe essere appunto comperarle. poi dal 3% al 33% mi sembra ci sia un intervallo abissale. :wink: Leggi tutto
14-6-2008 08:58

Vediamo se capisco meglio facendomi un esempio... Se la società PINCO PALLO Srl fattura 2'000'000,00 di euro, è sempre 2 milioni quello che può spendere? O forse, tolto quello che serve fisiologicamente alla vita dell'azienda, i soldi per comprare macchine, computer e mobili sono decisamente solo una parte di quel fatturato? Mi pare si... Leggi tutto
13-6-2008 20:07

mi sembra quindi che la spesa sia poco più del 3%. chi sa da vove avranno tirato giù il 30% :-k Leggi tutto
13-6-2008 16:19

Magari... E' di oggi la notizia che a Roma si sono investiti 51 milioni di euro (si, esatto, 100 miliardi) per un progetto "Presepe come gioco". Attendo reazioni composte dei sodali con la giunta che l'ha avallato per motivarne validamente la scelta, sono davvero curioso visto che fatico a capirlo: un bel pò di gente non... Leggi tutto
13-6-2008 10:46

{gabriele}
Non e' corretto Leggi tutto
13-6-2008 02:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1392 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics