Rinviata la seconda udienza del processo Sklyarov

La seconda udienza del processo Sklyarov, programmata per ieri 4 settembre, non ha avuto luogo. Ragioni tecniche, Corte Federale in difficoltà o pressione psicologica?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-09-2001]

Come già era avvenuto per la prima udienza, slittata dal 23 al 30 agosto, anche la seconda udienza del processo Sklyarov, programmata per ieri 4 settembre, ha subito un rinvio: la nuova data stabilita dai giudici della Corte Federale è il 24 settembre prossimo.

I motivi del rinvio non sono chiari: ufficialmente si tratta di ragioni "tecniche", ma secondo alcuni la Corte starebbe valutando se proseguire o chiudere il procedimento penale a carico del programmatore russo, avendo Adobe ritirato la propria denuncia nei suoi confronti.

Ma potrebbe trattarsi di un tentativo di esercitare pressioni psicologiche su Sklyarov: ricordiamo che le pene previste per le imputazioni a suo carico sono pesantissime, nonostante la risibilità del loro fondamento; inoltre egli, dal momento dell'arresto non ha avuto la possibilità di incontrare i propri famigliari (è padre di due bimbi piccoli) ed è stato vittima, in più occasioni, di palesi violazioni dei diritti civili.

Se Dmitry crollasse o decidesse di dare un taglio all'odissea alla quale è costretto, dichiarandosi colpevole, eviterebbe il processo e farebbe un enorme favore alla Corte Federale, che potrebbe anche decidere di ricompensarlo infliggendogli una pena simbolica.

Una soluzione ideale per tutti? Solo in apparenza, perché un simile compromesso si risolverebbe in un ulteriore consolidamento del già eccessivo potere in mano alle corporazioni e lobbies che hanno voluto e sponsorizzato il DMCA, la legge statunitense sul copyright, in forza del quale Dmitry sta vivendo questa brutta avventura.

La nostra speranza è che i Giudici Federali comprendano l'assurdità della vicenda e decidano in fretta e secondo Giustizia: quella vera, non la sua controfigura costruita al servizio dei potenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2682 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics