Quando l'email è pericolosa

Controllare la posta elettronica troppo di frequente rende stressati, dà dipendenza e ruba più di otto ore ogni settimana.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-09-2008]

L'e-mail genera stress come una slot-machine

L'email sembra sempre tanto comoda e così poco fastidiosa, specie se paragonata ad altri mezzi di comunicazione come i software di instant messaging, gli Sms, o persino le tradizionali telefonate; in fondo ognuno può decidere liberamente quanto spesso controllare la propria casella, mentre le chiamate e i messaggi di testo arrivano quando uno meno se l'aspetta.

Tutta apparenza, dice il dottor Thomas Jackson dell'Università inglese di Loughborough: il controllo che crediamo di avere è solo fittizio; in realtà, buona parte delle persone che usano l'e-mail ne è schiava, affetto dal bisogno compulsivo di sapere se sia arrivato qualche cosa di nuovo.

Il dottor Jackson ha calcolato che, dopo aver letto una mail, occorrono in media 64 secondi per riprendere il filo dei pensieri che si è interrotto. In una settimana si arriva a circa 8 ore e mezzo buttate solo per tornare a fare quello che si stava facendo prima di correre a guardare il client di posta.

Secondo una ricerca dell'Università di Glasgow, in Scozia, il 64 per cento degli intervistati controlla la posta ogni ora mentre il 35 per cento afferma di guardare la propria casella ogni 15 minuti; solo che in realtà i test hanno dimostrato che lo fa ogni 5 minute.

Per molte persone si è sviluppata una sorta di dipendenza simile a quella che lega i giocatori compulsivi alle slot-machine: solitamente non si vince niente/non c'è nulla nella posta; di tanto in tanto, però, arriva un bel premio: un'email interessante. Così si continua ad aspettare con stress crescente che qualcuno ci invii un'email, e la paura di perdere missive importanti cresce.

L'uso di programmi che notificano l'arrivo di nuova posta sembrerebbe rappresentare una soluzione, ma anche questa è solo un'illusione: l'interruzione del filo dei pensieri ci sarebbe comunque, e il tempo verrebbe perso egualmente.

Il problema, dicono gli psicologi del lavoro, è che la gente si aspetta che la risposta a una mail sia pressoché immediata, e che tutti pretendano tale velocità da chiunque: ciò è fonte di stress.

Che cosa fare dunque per non soccombere alla schiavitù della posta elettronica? Disabilitare le notifiche, impostare il client di posta per visualizzare una minima parte di testo (così da poter decidere subito che cosa leggere immediatamente e che cosa può aspettare), limitare il numero delle email spedite (sono proprio tutte necessarie?), programmare delle pause prefissate in cui controllare la posta in arrivo e soprattutto usare per ogni compito lo strumento appropriato.

La posta elettronica va bene per testi almeno di media lunghezza che non hanno un'urgenza particolare; se si ha fretta, si usi un software di messagistica instantanea; se si deve collaborare su un progetto, usare i programmi messi a disposizione dai vari servizi disponibili (dalle suite per ufficio online alla creazione di un wiki).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

no tranquillo... mi vergognerei a vendere una cosa fasulla o illegale :wink: Leggi tutto
22-9-2008 15:36

..che viene smistata automaticamente in varie cartelle dalle regolette apposite. In questo modo alcune mail sono viste e lette subito, altre più di svago quando decido di prendere un momento di relax, altre di nl, informative, pubblicitarie volute quando ho tempo e voglia...altre ancora direttamente cancellate assieme all'eventuale spam... Leggi tutto
20-9-2008 14:07

Scarico in automatico la posta ogni 120 secondi e la leggo ogni mezz'ora. Per la verità non mi stressa troppo anche se devo cancellare parecchi messaggi di spam o archiviare le newsletter che utilizzo per fare ricerche per il mio lavoro. Quello che mi stressa è dover poi fare le corse sul lavoro quando mi trovo a rispondere a messaggi... Leggi tutto
19-9-2008 19:14

Vendi email? Sei mica uno di quelli che "Vendo metodo garantito per vincere al lotto" o "per ricaricare cellulare Tim" o "per fare soldi senza fatica"? ;-) Leggi tutto
19-9-2008 16:14

per chi come me ha una mini attività su ebay effettivamente puo diventare una dipendenza.. se uno acquista subito, ci tengo a mandargli un oggetto (che alla fine è un email) il prima possibile. quando sono al pc controlo anche ogni ora, si, ma quando ne son lontano nn fremo così tanto da dovermi collegare.
19-9-2008 14:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2457 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics