Android contro iPhone: uno è bello, l'altro è comodo

Se il G1 di T-mobile vuole davvero fare concorrenza all'iPhone deve contare sulle sue caratteristiche migliori: essere personalizzabile e open source.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-09-2008]

T-Mobile Htc Dream G1 Android Googlefonino iPhone

Ora che il Googlefonino è finalmente realtà e ha acquisito definitivamente il nome G1 (prima lo chiamavamo Dream), è già tempo dei primi confronti con quelo che tutti indicano come il rivale da battere: l'iPhone di Apple.

Se ci si dovesse basare soltanto sull'estetica, il sottile e affascinante iPhone coglierebbe una facile vittoria; non che G1 sia brutto, ma non ci si mette a gareggiare in bellezza con un prodotto Apple.

L'impressione invece è che il dispositivo di Htc convinca più del rivale quanto a funzionalità. Entrambi sono smartphone e offrono possibilità simili, ma le piccole differenze in questo caso possono essere davvero importanti.

In quanti si sono lamentati della mancanza della funzione copia/incolla nell'iPhone? Eppure uno strumento versatile come dev'essere uno smartphone non può esserne privo: e infatti in G1 c'è.

Ancora: la tastiera virtuale di iPhone è senz'altro bella ma - quando si tratta di farne un uso intensivo - alla lunga è scomoda: una tastiera reale, nascosta sotto il display, è senz'altro più pratica.

La batteria, poi: nell'iPhone, come nell'iPod, è integrata nell'apparecchio. Non si può rimuovere in autonomia né quindi sostiture, ma occorre rivolgersi a un centro di assistenza. Quella di Htc G1, invece, è rimovibile, dunque è lecito aspettarsi la vendita di batterie di ricambio.

Nel complesso il prodotto distribuito da T-Mobile pare più serio, con un target di consumatori diverso da quello dell'iPod, forse più adulto, forse meno interessato alla sola apparenza pur non disdegnandola.

Non che non ci siano punti deboli o aspetti migliorabili: alcuni sono già evidenti; altri emergeranno di pari passo con la diffusione di G1 e l'esperienza degli utenti.

Non a tutti piacerà, per esempio, l'integrazione spinta con i servizi di Google: senz'altro è comodo l'accesso facile e veloce a Gmail, GDocs, Calendar e GTalk, ma solo se già si ha un account Google. Chi non lo possiede e nemmeno lo vuole troverà seccante questa caratteristica, anche se probabilmente non sarà nemmeno interessato a quello che tutti chiamano Googlefonino.

Altri saranno messi in difficoltà dalla mancanza della possibilità di sincronizzarsi con Exchange, il server di posta di Microsoft molto diffuso nelle aziende: per uno smartphone pensato anche per usi business pare una carenza piuttosto grave.

Il bello, però, è che limitazioni come questa possono essere in realtà solo temporanee. Il vero punto di forza e il vantaggio sull'iPhone è la piattaforma aperta Android: le applicazioni disponibili per G1 dovrebbero fiorire e moltiplicarsi rapidamente anche più di quanto abbiano fatto finora per sopperire alle carenze.

Certo, anche Apple mette a disposizione l'AppStore, ma l'Android Market è aperto a chiunque, con una filosofia non a caso simile a quella che governa la creazione e distribuzione di applicazioni per Linux: coloro che hanno un'idea possono inziarne la realizzazione e condividerla con tutti gli interessati, i quali contribuiranno a migliorarla.

Inoltre, avere un telefonino basato su una piattaforma il cui codice è pubblico dovrebbe impedire sin dall'inizio possibilità più o meno palesi di controllo remoto da parte del produttore: se hanno bucato il firmware dei prodotti Apple, non ci dovrebbe volere molto a scoprire eventuali backdoor introdotte di nascosto, qualora esistessero.

Infine: G1 è il primo, ma certamente non l'unico. Non solo perché è molto probabile che Htc produrrà prima o poi nuovi modelli destinati a sostituirlo, ma perché altri produttori possono adottare Android, piegarlo alle proprie esigenze e realizzare i propri smartphone. Per questo è stato creato: perché su una base comune si possano costruire realtà diversi ma compatibili. Samsung, per fare un nome noto, ha già detto di essere quasi pronta.

Questa futura molteplicità di prodotti compatibili tra loro perché basati sullo stesso software fondamentale non può che essere un bene in un settore finora dominato da tecnologie proprietarie. E che questo sia un cambiamento di grande portata è dimostrato dall'annuncio di Nokia riguardo l'apertura del codice di Symbian.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Secondo me, appaiono (sono) prodotti completamente diversi = Diversa utenza. Dunque un confronto è inutile, se non per sottolineare questo. Poi rendiamo conto che esistono altri prodotti "cloni" di questi due. Ma la cosa che vi siete dimenticati è che oramai si punta su uno specifica usabilità, cosa che rende Windows... Leggi tutto
25-9-2008 15:53

Come ho già scritto anche qua effettivamente a prima vista G1 è un poco "scatolotto" ma parrebbe offrire features e possibilità di implementazione che dovrebbero essere il vero punto di forza.
25-9-2008 15:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi dispositivi degni di un film di fantascienza ma già esistenti vorresti avere?
Erascan: un cancellino per lavagne bianche in grado di effettuare una scansione con OCR di tutto ciò che cancella.
Tamaggo Ibi: una videocamera con lente circolare in grado di scattare foto a 360 gradi.
No More Woof: legge le onde cerebrali dei cani e traduce i pensieri in linguaggio umano.
Il drone per le consegne Amazon Prime Air: consegnerà i pacchi volando, rendendo obsoleti i corrieri.
WAT: la lampada alimentata ad acqua.
Transparent TV: grazie alla tecnologia TOLED (LED Organici Trasparenti) è dotato di uno schermo praticamente invisibile.
Electrolux Wirio, la cucina trasportabile composta da quattro diversi elementi, per cucinare e tenere in caldo i cibi.
Touch Hear, per toccare con un dito una parola stampata e ascoltare la pronuncia e il significato.
Immersed Senses, una maschera per sub che estrae ossigeno dall'acqua ed è dotata di schermo per mostrare informazioni utili.
La maniglia che si sterilizza da sola grazie a una lampada integrata a raggi ultravioletti.
Heart Rate Monitor Earphone, gli auricolari che rilevano il battito cardiaco e il consumo di ossigeno.
Voyce, il collare per cani che misura il battito cardiaco e il ritrmo respiratorio, conta le calorie e indica se l'animale non fa abbastanza esercizio.
Makerbot Z18, una stampante 3D che funge da replicatore per oggetti voluminosi.

Mostra i risultati (1664 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics