Lo Stato aiuterà Telecom a farsi la Rete

Dopo l'apocalisse dei mercati finanziari, gli aiuti di Stato non sono più tabù.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2008]

Per Mario Valducci (presidente della commissione Trasporti della Camera ed esponente di Forza Italia tra i più vicini a Silvio Berlusconi) dovrebbe sorgere una società nazionale per la gestione delle Reti di Tlc: quella Telecom ma anche quella Fastweb (che già stanno collaborando) e poi quella delle Poste e dell'Enel, che già il sottosegretario alle Comunicazioni Mario Romani ha coinvolto insieme a Telecom in un gruppo di lavoro per la Rete di Nuova Generazione. A una società per la Rete anche lo Stato potrebbe partecipare con propri capitali.

Un'operazione del genere prevederebbe uno spin-off della Rete Telecom, difficile da affrontare in un momento di grave crisi finanziaria che sconsiglia questo genere di operazioni; nel contempo, per il governo Berlusconi, che tanto si è speso per l'italianità di Alitalia, diventa impellente l'esigenza di blindare il controllo di Telecom Italia, oggi esposta a Opa straniere dopo le fortissime perdite del titolo di questi giorni.

La banca più esposta con il debito Telecom è proprio Unicredit, la più colpita dallo tsunami delle Borse. Unicredit è la banca che più ha l'esigenza di una ricapitalizzazione: a questo punto è indifferente se azioni Telecom Italia saranno acquisite direttamente dallo Stato o se Unicredit non le venderà più in seguito a una ricapitalizzazione in cui lo Stato sia presente.

Anche eventuali aiuti di stato rivolti a finanziare il progetto banda larga di Telecom Italia dovrebbero ricevere un'attenzione molto più benevola da parte dell'Unione Europea, oggi che anche nei Paesi più segnati dal liberismo come Usa e Gran Bretagna l'intervento pubblico nell'economia non è più un tabù.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

Dall'articolo: ...dovrebbe sorgere una società nazionale per la gestione delle Reti di Tlc: quella Telecom ma anche quella Fastweb... ...diventa impellente l'esigenza di blindare il controllo di Telecom Italia, oggi esposta a Opa straniere... Ahia...iàia...iài! Non stanno lasciando più niente... tabula rasa......... E sopratutto,... Leggi tutto
15-10-2008 19:59

{Antonio}
Colaninno l'aveva scalata senza una lira e l'aveva indebitata mostruosamente per pagarla (o meglio, farla pagare ai suoi abbonati), l'ha rivenduta con enormi plusvalenze a Tronchetti Provera che ha cacciato sangue da una rapa (spolpandola anche degli immobili a prezzi non proprio di mercato). Ora, esangue, dopo un crollo del... Leggi tutto
15-10-2008 11:39

aiuti di stato a telecom e banche Leggi tutto
15-10-2008 11:34

{lupopz}
la rete è NOSTRA Leggi tutto
15-10-2008 11:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1491 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics